Anedonia e depressione come nasce e i sintomi
Consigli e guide

Anedonia e depressione come nasce e i sintomi

Anedonia e depressione, quali sono i sintomi?

L’anedonia è uno dei principali sintomi del disturbo depressivo maggiore (MDD). È la perdita di interesse in attività precedentemente gratificanti o divertenti. Le persone che soffrono di depressione clinica perdono interesse per hobby, amici , lavoro e anche per mangiare e per i rapporti intimi, in pratica è come se i circuiti del piacere del cervello si interrompessero da un momento all’altro.

Ma i circuiti del piacere del cervello realmente possono fare una cosa del genere? Alcuni esperti definiscono la funzione edonica come la quantità totale di piacere che è possibile ottenere da una singola attività e dunque ipotizzano che la depressione riduce quella capacità edonica.

Ma la depressione non può bloccare completamente i circuiti del piacere. Una teoria alternativa suggerisce che l’anedonia non provenga da una ridotta capacità di provare piacere, ma dall’incapacità di mantenere nel tempo le sensazioni positive, i sentimenti positivi ecc. In altre parole, forse il piacere viene vissuto come può essere nella normalità, ma solo brevemente non abbastanza a lungo da suscitare un interesse o un coinvolgimento nella vita di tutti i giorni.

Anedonia come nasce e quali sono le caratteristiche

Le aree del cervello associate al piacere, alla soddisfazione e alla motivazione includono il nucleus accumbens, e più in alto, la corteccia prefrontale (o PFC, il sottile strato esterno del cervello dietro la fronte). È probabile che gli impulsi nervosi viaggino in entrambe le direzioni per mantenere più a lungo la soddisfazione e la motivazione.

Alcuni dati suggeriscono che, nei cervelli normali, i segnali che viaggiano verso il basso dal PFC verso il NA possono sostenere l’interesse per un’attività piacevole. Se questo è vero, allora il cervello depresso potrebbe avere problemi ad usare il PFC per sostenere l’attività di NA duratura nel tempo.

Oggi, Aaron Heller e i suoi colleghi presso l’Università del Wisconsin e l’Università di Reading (Regno Unito) hanno pubblicato un articolo che promuove su tale ipotesi. Le persone prese in esame hanno guardato immagini piacevoli, sgradevoli e neutrali per un periodo di 37 minuti, ma i volontari non erano passivi. Hanno fatto uno sforzo cosciente per migliorare l’umore prodotto dall’immagine, se felice, triste o indifferente. Lo studio ha fornito cinque approfondimenti importanti:

1. In risposta a immagini positive, il cervello depresso non ha sostenuto l’attivazione di NA così come il cervello normale ha fatto, non importa per quanto tempo è durato.
2. Le difficoltà a sostenere l’attività nell’AN erano associate a un’attività ridotta nella PFC.
3. Quelle persone depresse che non potevano sostenere l’attività di NA riportavano risposte emozionali meno positive alle immagini piacevoli.
4. I soggetti depressi che erano maggiormente in grado di sostenere l’attività di NA hanno riportato anche livelli più alti di emozioni positive nella loro vita quotidiana.
5. Il deficit nel sostenere l’attività di NA era specifico per l’emozione positiva.

fonte@Centurytel.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *