Legionella sintomi e quali rischi comporta
Consigli e guide

Legionella sintomi e quali rischi comporta

Nonostante il suo nome esotico, che suggerisce come una malattia presente solo in particolari zone del pianeta, i batteri della Legionella pneumophila hanno una presenza consolidata anche nei cosiddetti paesi del primo mondo. Ad esempio negli Stati Uniti tra 10.000 e 18.000 persone sono infette da Legionella ogni anno. Questo è il motivo per cui determinare la corretta frequenza di valutazione del rischio di legionella può essere molto importante nel salvare vite umane.

I batteri della legionella causano diverse malattie, tra cui il morbo del legionario e la febbre di Pontiac. Queste malattie sono conosciute collettivamente come legionellosi. La malattia del legionario è una forma di polmonite atipica, che inizia da due a dieci giorni dopo che il paziente è stato esposto al batterio. Non esiste un vero vaccino tanto che la malattia viene trattata con antibiotici e il tasso di mortalità è di circa il 10%. È stato chiamato così perché il primo focolaio è stato registrato durante una convention della Legione americana del 1976 a Philadelphia. 221 persone sono state ricoverate in ospedale e 34 di loro sono morte.

La febbre di Pontiac ha preso il nome da Pontiac, Michigan, dove è stata osservata per la prima volta. Nel Regno Unito, è conosciuta ad esempio come la febbre di Lochgoilhead. Non così letale come il morbo dei legionari, i sintomi della febbre di Pontiac assomigliano all’influenza. Nessuna di queste due malattie è trasferibile da persona a persona. I batteri della Legionella possono entrare nell’organismo umano attraverso l’acqua che beviamo. Le torri di raffreddamento dei condizionatori d’aria di grandi dimensioni sono anche un potenziale rischio poiché i batteri possono anche essere aspirati. La maggior parte delle persone può essere esposta alla legionella senza ammalarsi, ma coloro che hanno la sfortuna di contrarre la malattia hanno una possibilità su dieci di morire.

Molti paesi, incluso il Regno Unito, hanno regolamenti che dettano la frequenza obbligatoria della valutazione del rischio di legionella. Nel Regno Unito, questo non è obbligatorio solo per le imprese, ma anche per i proprietari e i titolari dei dazi. La valutazione del rischio può aiutarti a identificare potenziali minacce e gestirle prima che diventino un problema per te, per i dipendenti e clienti.

Una delle aziende che si occupa della valutazione del rischio di legionella è Legionella Control International, reperibile su legionellacontrol.com. Si occupano di ogni aspetto del processo di valutazione del rischio e consulenza per la valutazione del rischio legionella leader a livello mondiale. Offrono una gamma completa di servizi, inclusi test di allenamento e legionella. L’azienda offre anche un kit di test fai-da-te, una soluzione economica per le piccole aziende e i sistemi domestici. Sono facili da usare, non richiedono formazione e mostrano risultati facili da capire.

Prima delle modifiche del 2013, i regolamenti raccomandavano di testare i sistemi idrici per la Legionella almeno una volta ogni due anni. Questo includeva sia sistemi caldi che freddi e sistemi di raffreddamento. I nuovi regolamenti sono più severi, ma non specificano l’intervallo esatto dei test, confermano solo che devono essere condotti “regolarmente“. Poiché i regolamenti sono vaghi, è ancora più importante avere una valutazione adeguata, poiché “regolarmente” può essere aperto all’interpretazione.

A prescindere dalla recente valutazione del rischio, ci sono casi in cui una nuova valutazione è obbligatoria, come prescritto dalla legge. Queste istanze includono:

Quando la popolazione del sito rientra nella categoria ad alto rischio, ad esempio, gli anziani o quelli con un sistema immunitario compromesso
Quando vengono apportate modifiche al sistema idrico, alle tubazioni o alle risorse
Quando il sistema idrico ha avuto un cambio di utilizzo
Quando vengono pubblicate nuove informazioni con aggiornamenti di raccomandazioni e procedure
Quando gli attuali processi di monitoraggio e gestione non si dimostrano più efficaci
Quando si sospetta un focolaio della legionella o si registrano campioni positivi

In uno di questi casi, si è legalmente obbligati ad avere una nuova valutazione del rischio condotta per i locali. Questo può sembrare un lavoro ingrato, ma obbedire a questi regolamenti può salvare vite in futuro, per non parlare del fatto che non seguire i regolamenti comporta una pesante multa.

Uno dei modi più efficaci per controllare la crescita dei batteri della legionella è la temperatura dell’acqua. Le temperature tra 20 ° C e 45 ° C sono i valori preferiti dai batteri, con il punto ideale di 37 ° C. Un registro con temperature fornite all’interno del sistema può aiutare (o gli esperti che hai assunto per condurre la valutazione del rischio) a determinare le misure ottimali che devono essere prese in caso di epidemia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *