Cibi biologici pesticidi e rischio cancro quali sono le verita
Alimentazione Notizie

Cibi biologici, pesticidi e rischio cancro: quali sono le verità?

I cibi biologici possono aiutarti a ridurre il rischio di cancro? Un nuovo studio che arriva dalla Francia cerca di stabilirne il legame

Per ridurre il rischio di cancro, si sa che dovresti smettere di fumare, fare esercizio fisico regolarmente, applicare la protezione solare ed essere sempre sotto controllo. Una nuova ricerca suggerisce che un altro elemento potrebbe essere aggiunto a questa lista: Scegliere cibi biologici rispetto a quelli convenzionali.

Uno studio condotto su circa 70.000 adulti francesi che sono stati monitorati per una media di 4,5 anni ha scoperto che coloro che mangiavano più cibi biologici avevano meno probabilità di sviluppare alcuni tipi di cancro rispetto alle persone che ne mangiavano meno.

A causa del modo in cui è stato condotto lo studio, è impossibile dire che gli alimenti biologici che le persone mangiavano erano la ragione per cui si segnalavano meno casi di cancro. Ma i risultati sono abbastanza significativi da meritare studi di follow-up, hanno scritto i ricercatori.

Sono necessarie ulteriori ricerche per identificare quali fattori specifici sono responsabili dei potenziali effetti protettivi del consumo di alimenti biologici sul rischio di cancro“, hanno scritto lunedì sulla rivista JAMA Internal Medicine .

I ricercatori hanno un’idea di quali fattori potrebbero essere: i pesticidi. Almeno tre di loro: glifosato, malathion e diazinon, probabilmente causano il cancro, e altri potrebbero anche essere cancerogeni, secondo l’agenzia internazionale per la ricerca sul cancro.

I prodotti biologici hanno meno probabilità di contenere residui di pesticidi rispetto ai cibi convenzionali“, hanno scritto. Questo perché le regole che gli agricoltori devono seguire per utilizzare l’etichetta biologica proibisce loro generalmente l’uso di pesticidi sintetici (sebbene siano consentiti pesticidi a base di composti naturali come il perossido di idrogeno e i saponi).

Precedenti studi hanno trovato che i residui di pesticidi sono più prevalenti sui prodotti coltivati ​​convenzionalmente rispetto alle loro controparti biologiche. Ad esempio, un rapporto pubblicato quest’anno dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare ha trovato residui di uno o più pesticidi sul 44% dei campioni alimentari prodotti in modo convenzionale che sono stati testati. Nel frattempo, il 6,5 percento dei campioni di alimenti biologici testati presentava residui di pesticidi rilevabili.

E ci sono prove che quei pesticidi sono metabolizzati nel corpo. L’urina delle persone che mangiano pochi alimenti biologici contiene concentrazioni più elevate di sostanze chimiche derivate dai pesticidi rispetto alle urine di persone che mangiano cibi biologici regolarmente.

Negli Stati Uniti, più di 9 persone su 10 hanno quantità misurabili di pesticidi nelle loro urine o nel loro sangue e si sa che queste concentrazioni diminuiscono quando le persone passano dagli alimenti prodotti convenzionalmente a quelli biologici.

Consumare meno sostanze chimiche legate ai pesticidi sembra certamente una buona idea. Ma non è chiaro se ciò sia associato a un reale beneficio per la salute.

Così una squadra di Inserm, l’equivalente francese dell’US National Institutes of Health, è andata alla ricerca di dati più esaurienti.

In un mondo ideale, hanno reclutato migliaia di volontari e divisi casualmente in due gruppi: uno che segue una dieta organica e uno che non lo fa. Avrebbero monitorato questi volontari per assicurarsi che si attenessero scrupolosamente alle loro diete assegnate e osservassero le altre indicazioni che possono influenzare il loro rischio cancro. Quindi, dopo molti anni, avrebbero contato il numero di cancri diagnosticati in ciascuno dei gruppi per vedere se c’era una differenza che poteva essere spiegata solo dalla quantità di cibo biologico che avevano mangiato.

Ma questo non è un mondo ideale, quindi i ricercatori hanno dovuto accontentarsi dei dati disponibili

cibi biologici riducono rischio cancro
foto@PxHere

Si sono concentrati sulle persone che hanno partecipato a un ampio studio in corso sulla salute e la nutrizione a partire dal 2009. Sono stati interrogati su 16 categorie di alimenti, tra cui frutta, verdura, uova e vino, e con che frequenza ne hanno mangiato “versioni” organiche. Una volta all’anno, hanno fornito aggiornamenti sulla salute, tra cui se fosse stato diagnosticato un cancro.

Alla fine del 2016, ci sono stati 68.946 adulti francesi che hanno soddisfatto tutti questi criteri e sono stati inclusi nell’analisi. La loro età media quando si erano uniti allo studio era di 44 anni, e il 78% di loro erano donne.

Tra il 2009 e il 2016, il cancro è stato diagnosticato in 1.340 volontari. Il tipo più comune era il cancro al seno (459 casi), seguito da cancro alla prostata (180 casi), cancro della pelle (135 casi), tumore del colon-retto (99 casi), linfoma non-Hodgkin (47 casi) e altri tipi di linfomi (15 casi).

Gli autori dello studio hanno classificato i volontari in base alla frequenza con cui hanno mangiato cibi biologici e li hanno divisi in quattro gruppi di uguali dimensioni. Questo ha rivelato che le persone che mangiavano alimenti biologici avevano spesso redditi più alti, più istruzione e posti di lavoro di livello superiore. Inoltre, erano più propensi a fare esercizio fisico, a smettere di fumare e a mangiare quantità elevate di alimenti salutari come frutta e verdura. Tutte queste cose sono associate a un minor rischio di cancro.

Dopo aver preso in considerazione questi e altri fattori demografici, hanno scoperto che le persone che mangiavano cibi biologici più frequentemente avevano il 25% in meno di probabilità di sviluppare qualsiasi tipo di cancro rispetto alle persone che mangiavano il cibo biologico di rado. L’effetto complessivo della scelta di molti alimenti biologici era simile in grandezza alla propria storia familiare legata al cancro.

Quando hanno considerato separatamente ogni tipo di tumore, hanno scoperto che solo tre avevano un’associazione statisticamente significativa con il consumo di cibi biologici.

Uno di questi era il carcinoma mammario in postmenopausa: le donne che mangiavano cibi biologici più spesso avevano il 34% di probabilità in meno di ricevere questa diagnosi rispetto alle donne che mangiavano meno cibi biologici. (C’erano indizi di rischio ridotto per i tumori al seno in premenopausa, ma la differenza era più piccola e poteva essere dovuta al caso.)

Un altro era il linfoma non Hodgkin: i più frequenti consumatori di alimenti biologici avevano l’86% in meno di probabilità di contrarre questa forma di cancro rispetto ai loro omologhi all’altro estremo dello spettro.

L’ultima categoria era rappresentata da linfomi: le persone che mangiavano alimenti biologici il più delle volte avevano il 76% di probabilità in meno di contrarre il cancro al sistema linfatico rispetto alle persone che mangiavano meno cibi biologici.

Alcuni di questi risultati erano in linea con gli studi precedenti e altri no. In particolare, i ricercatori francesi hanno confrontato i loro risultati con i dati del Million Women Study nel Regno Unito. Nel Million Women Study, i partecipanti che mangiavano cibi biologici avevano regolarmente un rischio inferiore del 21 per cento di linfoma non-Hodgkin rispetto ai partecipanti che non avevano mangiato cibo biologico. Tuttavia, non vi era alcuna riduzione del rischio complessivo di cancro e il rischio di cancro al seno era leggermente più alto tra le donne che mangiavano cibi biologici di routine rispetto a quelle che non le mangiavano affatto.

Ora sembra importante valutare gli effetti cronici dell’esposizione ai residui di pesticidi a basso dosaggio nella dieta“, hanno concluso i ricercatori francesi.

Una squadra della Harvard TH Chan School of Public Health ha notato diversi punti di forza del nuovo report in un commento che è stato anche pubblicato lunedì.

Glifosato, malathion e diazinon sono stati tutti associati al linfoma non Hodgkin. Hanno anche elogiato lo studio per aver incluso decine di migliaia di persone e averle seguite in modo prospettico anziché retrospettivo.

Ma ci sono anche molte carenze che limitano la forza dei risultati dello studio, hanno aggiunto.

Ad esempio, non è stato fatto alcun tentativo per confermare le affermazioni delle persone sulla quantità di cibo biologico che hanno mangiato. I ricercatori francesi hanno anche ipotizzato che più cibi organici fossero mangiati, minore sarebbe stata la loro esposizione ai residui di pesticidi. Questo potrebbe essere vero, ma non ci sono dati effettivi.

Allo stadio attuale della ricerca, la relazione tra consumo di alimenti biologici e rischio di cancro non è ancora chiara“, hanno scritto i ricercatori di Harvard.

Ciò che è “urgentemente” necessario è uno studio più dettagliato che affronti alcuni dei problemi nella relazione francese, secondo il commento.

Se gli studi futuri forniranno prove più solide a sostegno del consumo di alimenti biologici per la prevenzione del cancro, saranno fondamentali misure per ridurre i costi e garantire un accesso equo ai prodotti biologici“, hanno scritto gli autori di Harvard.

Nel frattempo, “le preoccupazioni sui rischi dei pesticidi non dovrebbero scoraggiare l’assunzione di frutta e verdura convenzionale”, hanno consigliato. “I benefici del consumo di prodotti coltivati ​​convenzionalmente sono probabilmente superiori ai possibili rischi derivanti dall’esposizione ai pesticidi“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *