Ottobre 27, 2020

Denti, ecco come liberarsi del fastidioso tartaro

1 min read
Denti ecco come liberarsi del fastidioso tartaro

A tutti noi piace avere un bel sorriso ed una bocca sana, ma averla non è così facile: colpa di un’igiene orale non sempre impeccabile e di un’alimentazione che sovente è ricca di cibi acidi e corrosivi, senza parlare del fumo che certo bene non fa.

Ecco allora che attorno ai denti si forma il fastidioso ed antiestetico tartaro: di cosa si tratta?

Il tartaro è la mineralizzazione della placca batterica, una sorta di pellicola a costituita da batteri, cellule morte e residui di cibo che si deposita sui denti. 

Il tartaro è formato da depositi che sono irremovibili con il semplice spazzolino e quindi si richiede l’intervento del dentista o dall’igienista dentale per assicurare la completa rimozione.

Il problema non va sottovalutato, dato che mette a repentaglio la salute dei denti, e quindi importante è la prevenzione.

La causa fondamentale della formazione del tartaro è rappresentata dalla cattiva o poco corretta igiene orale, ma anche dalle alterazioni della saliva, e quindi proprio in questi ambiti bisogna agire.

Bisogna quindi ricordarsi di lavare i denti dopo ogni pasto per rimuovere immediatamente tutti i residui di cibo e di utilizzare spazzolino e dentifricio di buona qualità.

Aiuta anche utilizzare il filo interdentale o lo scovolino e soprattutto cercare di evitare il più possibile i cibi che favoriscono la formazione della placca.

Infine è molto importante sottoporsi a visite di controllo ogni 6-12 mesi a seconda della predisposizione individuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.