Cannabis light legale: ecco gli Stati dove è permessa
Cannabis light legale ecco gli Stati dove permessa

Genericamente utilizzata a scopo medico, la Cannabis differenzia possesso, uso e coltivazione in molti continenti. Dalla Giamaica, dov’è considerata totalmente legale, soprattutto per i rastafariani, fino in Cina dov’è severamente proibita.

La normativa che modera la proprietà, l’impiego e la coltura della cannabis legale ha diversificazioni in tutto il mondo. Nella maggior parte dei continenti, tuttavia, possedere, spacciare o impiegare marijuana light legale è illegale. Solo negli ultimi anni si stanno sviluppando livelli di “tolleranze”, che riguardano l’impiego, il possesso o la sua cultura. Tra questi l’Uruguay: grazie al presidente Josè Mujica, nel 2013 l’Uruguay è diventato il primo paese al mondo ad aver legalizzato pienamente la vendita di cannabis legale. La legge permette a chiunque l’utilizzo e di concederne il possesso con vendite legalizzate. Meno tolleranti sono gli Stati Uniti, dove esiste una situazione d’illegalità a livello federale: il possesso, nella maggior parte degli stati, equivale all’arresto. L’uso terapeutico è definito solo in alcuni stati, mentre nel Colorado, Washington, Alaska e Oregon hanno legalizzato la vendita a scopo ricreativo. In Giamaica vi è il legale possesso fino a 56,70 grammi e coltivazione di 5 piante. I Rastafariani, possono possedere, coltivare ed utilizzare l’erba Cdb alto senza limitazione nei luoghi di culto.

Vietato in Oriente
In Europa la situazione è dislivellata: in Italia il possesso è illegale, ma ne è consentito l’uso medico, depenalizzando il consumo personale. La Spagna ha deciso di rendere legale l’uso della canapa legale, in luoghi autorizzati così come i Paesi Bassi. Questi stati portano una grande distanza dagli altri stati europei quali Regno Unito e Francia: la prima considerata la marijuana light totalmente illegale, non vi è permesso neanche l’uso terapeutico. In Francia si raccomanda di non avviare procedimenti penali contro consumatori occasionali. Sebbene in Germania vigessero pene più severe, negli ultimi anni è concesso il possesso di modiche quantità (non più di 10 grammi) e il suo uso è legale.

Nell’Arabia, l’Israele considera la vendita cannabis light, un reato: è considerata illegale, e l’uso medico è autorizzato solo dal ministero della Sanità, che ne valuta caso per caso. Il Giappone, così come in Cina, si considera l’infiorescenza di canapa completamente illegale. Tutti i preparati giapponesi, contenenti l’enzima THC, sono considerati illegali: una norma dovuta alla forte influenza americana nella seconda guerra mondiale e non ancora “superata”. Mentre, in Australia, la marijuana è illegale in Tasmania, nel Nuovo Galles del Sud ed è depenalizzata negli stati rimanenti, ma viene considerata legale per uso terapeutico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like

Salute nel 2015 si abbassa la speranza di vita

Nel 2015 diminuisce l’aspettativa di vita degli italiani rispetto al 2014. Secondo…

Dieta dopo il Natale, che fare

Dieta dopo il Natale, che fare per smaltire i dolci e i…

Samsung Galaxy Note 8 disponibile ora negli store

Il Samsung Galaxy Note 8 è arrivato ufficialmente ed è ora disponibile sia negli…