Estate: La dieta ayurvedica può aiutarti a perdere peso?

5 min read

La dieta ayurvedica può davvero aiutarti a perdere peso?

E’ praticamente nata da 5.000 anni, ma oggi si sente parlare in ogni dove della dieta ayurvedica, un piano alimentare derivato dalla medicina tradizionale indiana.

Ciò è probabilmente dovuto al fatto che i suoi principi richiamavano tanti consigli legati alla moda del momento, come limitare gli alimenti trasformati ed essere più consapevoli quando ci si mette a tavola.

Bisogna però conoscere tutti i principi della dieta Ayurvedica prima di fare il grande passo, come ad esempio trovare il tuo dosha.

Cos’è l’Ayurveda?

L’Ayurveda è la medicina tradizionale dell’India e l’aspetto dietetico della tradizione è ispirato ad un antico proverbio ayurvedico: “Quando la dieta è sbagliata, la medicina non serve, quando la dieta è corretta, la medicina non è necessaria“.

Larry Mangel, un medico ayurvedico certificato presso Shanti Yoga e Ayurveda di Philadelphia, ha rivelato al famoso portale LIVESTRONG.com che l’Ayruveda è basato sulla credenza in tre tipi di corpo, o doshas : Inverno ( Vata ), Primavera ( Kapha ) ed Estate ( Pitta ).

Abbiamo tutti una costituzione specifica quando nasciamo“, spiega. “Mentre ci muoviamo attraverso la vita, la nostra attuale costituzione o stato può cambiare o diventare sbilanciata dallo stress, dalla dieta sbagliata e dallo stile di vita sbagliato, e le stagioni possono anche causare cambiamenti“.

Lo scopo di una dieta ayurvedica è di mantenere la costituzione originale di una persona e riportare il corpo al suo stato naturale se diventa squilibrato. “Secondo l’Ayurveda, essere nel nostro stato naturale è la vera salute“, dice Mangel.

Il modo più semplice per raggiungere i propri bisogni alimentari è usare il gusto“, aggiunge, spiegando che l’Ayurveda riconosce sei gusti: dolce, salato, acido, pungente, amaro e astringente.

Ogni gusto corrisponde a cibi diversi, che hanno un effetto sul dosha , secondo l’Istituto Ayurvedico . Ad esempio, i cibi dal sapore dolce riducono le influenze invernali ed estive, ma aumentano con la primavera; il sapore salato equilibra l’inverno, ma aggrava la primavera e l’estate; e così via.

Dieta ayurvedica come mangiare

Dieta ayurvedica come mangiare

Lo stile di mangiare ayurvedico inizia con la scoperta del tuo tipo di corpo naturale, o dosha , che di solito viene fatto con l’aiuto di un professionista ayurvedico. Tuttavia, ci sono anche dei test disponibili online. Ma bisogna tener presente che questi strumenti online potrebbero non essere completamente accurati.

Una volta che conosci il tuo dosha , ci sono diverse linee guida da tenere a mente per allineare i tuoi pasti con l’Ayurveda.

Mangia per il tuo tipo di corpo.

In Ayurveda, mangiare per il proprio tipo di corpo significa applicare la regola degli opposti, dice Erin Casperson , decano della Kripalu School of Ayurveda, praticante di medicina ayurvedica e insegnante di yoga Kripalu. L’idea è che puoi mangiare cibi che mantengano i tuoi elementi in equilibrio.

Preferisci cibi semplici e raffinati come cereali, legumi, ortaggi a radice e frutta dolce“, suggerisce Casperson. “Evita di riscaldare peperoncini, alcol, caffè e zucchero.

Scegli i cibi stagionali coltivati ​​localmente

La natura fornisce gli alimenti che bilanciano naturalmente le qualità di ogni stagione, dice Casperson. Ad esempio, in alcune nazioni, la primavera è umida e nuvolosa. Mangiare cibi invernali più pesanti, come stufati potrebbero far sentire il tuo fisico un po ‘pigro.

La correzione? Alimenti più leggeri e “riscaldanti” che crescono naturalmente in primavera, come asparagi, ravanelli e verdure come spinaci e cavoli.

Se mangiamo cibi locali, possiamo garantire che stiamo ottenendo esattamente ciò di cui abbiamo bisogno per bilanciare eventuali effetti negativi della stagione attuale“, dice.

Mangiare in uno stato di rilassamento

Il rilassamento va di pari passo con le digestioni, secondo Casperson.

L’Ayurveda ci invita a rallentare, assaporare i nostri cibi e mangiare consapevolmente“, dice. “Quando siamo stressati, tutto il nostro sangue viene convogliato dal tratto gastrointestinale ai muscoli delle braccia e delle gambe“.

Consumando i pasti quando siamo rilassati e lontani dalle distrazioni quali ad esempio il computer, lavoro, ecc. possiamo garantire che tutta l’energia e il sangue stiano andando al sistema digestivo per aiutare a processare il nostro cibo.

Per lo stesso motivo, dice Casperson, l’Ayurveda scoraggia le persone dal mangiare quando sono arrabbiate o nervose in generale.

Molto spazio tra un pasto e l’altro

È importante distribuire i pasti, dice Casperson, per consentire al tuo corpo il giusto tempo di digestione.

Le pratiche ayurvediche raccomandano che il pasto precedente venga completamente digerito prima di passare al pasto successivo. Questo assicura una corretta digestione e aiuta a scongiurare gas, gonfiore, bruciore di stomaco o pesantezza allo stomaco, dice Casperson.

Evitare spuntini tra i pasti

Casperson sconsiglia di spuntini tra un pasto e l’altro, in quanto possono interrompere la digestione del pasto precedente e comportare ciò che i medici ayurvedici definiscono ama. Secondo le loro convinzioni, questa sostanza è una delle cause alla radice della malattia e può causare rigurgiti, stitichezza, diarrea, cattiva digestione e scarso assorbimento di sostanze nutritive.

Se questa ama viaggia oltre il sistema digestivo, secondo le credenze ayurvediche, può causare una miriade di altri problemi, come l’acne, i disturbi della pelle, le articolazioni doloranti / gonfie e l’infiammazione.

Consumare meno alimenti confezionati e lavorati

Certo, gli alimenti confezionati hanno il loro posto importante nella nostra vita. Sono convenienti, tuttavia, l’approccio ayurvedico impone di mangiare il più vicino possibile alla fonte, afferma Casperson.

Pensa alla durata di conservazione“, dice. “Cosa stiamo veramente mangiando se il cibo può durare per mesi o anni su uno scaffale?

Limitare i cibi di origine animale

Si consiglia di mangiare cibi a base vegetale, poiché l’Ayurveda deriva dal sutra dello yoga, che incoraggia il concetto di non-danno o ahimsa . Tuttavia, occasionalmente vengono fatte eccezioni.

Talvolta i prodotti animali sono consigliati per specifici scopi di guarigione, afferma Mangel. Ad esempio, quando una persona ha uno squilibrio invernale, può diventare debole. “Se la condizione è grave, un professionista può suggerire un po ‘di carne per aiutarli a guadagnare forza“, spiega.

Evitare i liquidi freddi

Secondo Mangel, bere liquidi refrigerati può soffocare la digestione. La credenza ayurvedica, spiega, che diminuiscono il fuoco digestivo, noto come agni .

Per una migliore digestione, suggeriamo di assumere da 15 a 20 minuti prima dei pasti e pochi minuti dopo aver mangiato“, aggiunge. “Inoltre, l’acqua calda è molto più facile da assorbire per l’idratazione e la pulizia linfatica.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright 2018 © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.