angelina-jolie-paralisi-di-bell

In una recente intervista a Vanity Fair, l’attrice Angelina Jolie ha parlato delle sue lotte personali per problemi di salute, le minacce del cancro che l’hanno portata alla decisione di una preventiva doppia mastectomia e poi la rimozione delle ovaie.

L’attrice ha rivelato di aver sviluppato l’ipertensione e la paralisi di Bell, una condizione che aveva causato un “crollo” di una parte del suo viso.

Ma cos’è la paralisi di Bell, una condizione che colpisce ogni anno circa 40.000 altre persone in America? Anche se allarmante, la condizione non è così spaventosa come potrebbe sembrare.

La maggior parte delle persone passerà naturalmente la sua vita senza avere una paralisi di Bell“, ha dichiarato al Washington Post, Lyell Jones Jr., neurologo neuromuscolare della Clinica Mayo. “Ma per la maggior parte dei pazienti che la hanno, tendono a superarla molto bene e la maggior parte dei pazienti ha un recupero completo“.

Nel corso degli anni, numerose altre figure famose hanno combattuto i loro attacchi con la condizione rara, tra cui Ralph Nader ,  Roseanne Barr e  George Clooney,

È stato il primo anno di scuola superiore, un momento negativo dopo aver subito la paralisi della metà del volto“, ha detto Clooney a Larry King nel 2006, parlando del periodo in cui era stato colpito proprio dalla paralisi di Bell.

 

La paralisi di Bell, una paralisi facciale improvvisa ma temporanea, si verifica quando il nervo che controlla i muscoli su un lato del viso si infiamma o si gonfia, rendendoli troppo deboli per muoversi.

Poi l’attrice ha parlato anche del divorzio da Brad Pitt, rivelando di esser rimasta tranquilla fino ad ora, ma confermando “Sono stata molto preoccupata per mia madre, fin quando sono cresciuta, non voglio che i miei figli si preoccupassero di me, penso che sia molto importante piangere ad esempio nella doccia e non di fronte a loro” Per quanto riguarda il rapporto con Pitt e se sono in grado di comunicare con lui adesso, Angelina Jolie conferma: “Ci interessa la nostra famiglia, e stiamo lavorando per lo stesso scopo“.

Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *