Dolph Lundgren su Creed 2 Drago potrebbe diventare amico di Rocky in futuro
Alimentazione

Dolph Lundgren su Creed 2: Drago potrebbe diventare amico di Rocky in futuro

Dolph Lundgren è tornato sull’argomento Creed 2 e sul prossimo ruolo nella trasposizione di He-Man

Intervistato da ComingSoon America, l’attore che ha interpretato il mitico Ivan Drago, ha voluto sviscerare maggiormente il suo personaggio e soprattutto sottolineare, ancora una volta, l’ottimo rapporto con Sylvester Stallone e il grande successo ottenuto proprio interpretando il ruolo del pugile russo, Dolph Lundgren ha dichiarato:

Non ero sicuro di voler interpretare nuovamente quel ruolo, ma quando ho letto la sceneggiatura ho capito che anche Steven Caple il suo co-sceneggiatore e Stallone avevano studiato un personaggio davvero interessante, basandosi su un uomo che ha perso tutto e che non ha più niente“.

Penso che la combinazione di un rapporto padre-figlio, mi ha dato la possibilità di interpretare un personaggio complesso, che ha un sacco di rabbia, odio e sete di vendetta, ma non è un cattivo padre. In realtà ama suo figlio, ma non lo sa fino a quando nel film non inizia a capire cosa è importante nella vita. Ho pensato che fosse davvero soddisfacente interpretare un personaggio così, perché mio padre era molto duro con me e ho avuto una relazione dura con lui.

E ‘come se mi perseguitasse da molti anni, ma negli ultimi cinque anni sono andato in terapia per liberarmi di alcuni traumi e cose che stavano avendo un impatto sulla mia vita, una volta che mi sono liberato di questo, è quasi come se fossi pronto a svolgere questo tipo di ruoli adesso, e prima che non lo fossi stato davvero, per qualche motivo. Era come se mi stesse trattenendo“.

Poi Dolph Lundgren, che come detto interpreta un Ivan Drago naturalmente segnato dagli anni e dalla vicissitudini, rivela:

Appena ho letto la sceneggiatura e incontrato Steven Caple, ho visto che non c’erano dialoghi e molte scene in russo. Volevo passare più tempo con questo ragazzo,  Florian Munteanu, gli ho mandato un messaggio e l’ho incontrato per circa tre minuti alla MGM“.

Successivamente” spiega l’attore “gli ho mandato un messaggio e gli ho chiesto di uscire. È venuto in palestra con il mio allenatore, l’ho incontrato e ci siamo allenati insieme per settimane. Abbiamo fatto lezioni di russo. L’ho conosciuto davvero, e penso che Florian mi guardasse come ad un personaggio che è in questo mondo più a lungo di lui. Ciò dimostra anche, perché c’è quella mentalità da pit-bull in lui e fa ciò che suo padre gli dice.”

Penso si sia costruito un grande rapporto di fiducia tra noi, non solo per la recitazione“.

Poi Dolph è tornato su una delle scene, a suo parere più belle di Creed 2:

Sai, ho sentito la gravità di quella scena non appena ho letto la sceneggiatura. Questa è stata la scena più importante per il mio rapporto con lui, anche se in realtà c’è una scena che è stata tagliata  alla fine, in cui un po ‘ci inteneriamo’ dopo il combattimento, che penso sia stata eliminata perché poteva dare un’altra immagine di “Creed”, agli spettatori forse. Ma quella scena del ristorante, sì, era così ben scritta ed era così interessante“.

È stata una possibilità per il personaggio di esprimere tutta la frustrazione della sua vita e quello che era successo ed era tutto per colpa di Rocky. Anche Drago in realtà non ama molto la Russia. Vuole solo il rispetto dei suoi connazionali, lo hanno deluso, ma a livello personale mi ha dato l’opportunità di confrontarmi con Stallone. È stato il mio capo per tanti anni e mi è stato di grande aiuto nella mia carriera, e in un certo senso era difficile essere cattivo con lui, ma d’altra parte penso che abbia portato la nostra relazione ad un altro livello perché non avevamo mai fatto una scena drammatica insieme, una scena del genere come quella

Questa è una scena davvero drammatica ed è stato divertente lavorare con lui. Voglio dire, è davvero un grande attore e una grande fonte d’ispirazione. Quindi è stato bello sotto molti aspetti, ma soprattutto, è una scena importante perché il personaggio non dice quasi nulla prima, penso che abbia detto una o due parole prima, e poi all’improvviso, abbiamo questa scena di tre minuti lì ed è davvero drammatica“.

Poi Dolph Lundgren incalzato nell’intervista, rivela anche la possibilità magari di poter essere amico di Rocky in un possibile ultimo sequel Creed 3.

Non so se andrei così lontano, ma guarda, non si sa mai. Non si sa mai. Con Apollo, erano nemici mortali in Rocky e poi anche in Rocky II. Poi in Rocky III, è stato proprio Rocky ad andare da Apollo per farsi aiutare. C’è un grande rapporto con Sylvester Stallone, suppongo che se il mondo accetterà che Drago e Rocky siano amici, allora forse potremmo esserlo davvero“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *