Ottobre 30, 2020

Gruppo sanguigno, c’è correlazione con il rischio Covid

2 min read
Gruppo sanguigno correlazione con il rischio Covid

La ricerca si sta concentrando sull’idea che le persone con sangue di tipo O possano avere un leggero vantaggio durante questa pandemia 

Due  studi  pubblicati questa settimana suggeriscono che le persone con il tipo O hanno un minor rischio di contrarre il coronavirus , oltre a una ridotta probabilità di ammalarsi gravemente se vengono infettati.

Uno dei nuovi studi ha scoperto specificamente che i pazienti COVID-19 con sangue di tipo O o B trascorrevano meno tempo in un’unità di terapia intensiva rispetto ai loro omologhi con tipo A o AB. Avevano anche meno probabilità di richiedere ventilazione e meno probabilità di manifestare insufficienza renale.

Queste nuove scoperte fanno eco a scoperte simili sul sangue di tipo O viste in ricerche precedenti, creando un quadro più chiaro di un particolare fattore di rischio del coronavirus.

Entrambi i nuovi studi sono usciti mercoledì sulla rivista Blood Advances . Uno ha esaminato 95 pazienti COVID-19 in condizioni critiche negli ospedali di Vancouver, in Canada, tra febbraio e aprile.

Hanno scoperto che i pazienti con sangue di tipo O o B trascorrevano, in media, 4,5 giorni in meno nell’unità di terapia intensiva rispetto a quelli con sangue di tipo A o AB. Quest’ultimo gruppo è rimasto, in media, 13,5 giorni in terapia intensiva. Tuttavia, i ricercatori non hanno riscontrato alcun legame tra il gruppo sanguigno e la durata della degenza ospedaliera totale di ciascun paziente.

Gruppo sanguigno correlazione con il rischio Covid

Tuttavia, hanno scoperto che solo il 61% dei pazienti con sangue di tipo O o B necessitava di ventilazione, rispetto all’84% dei pazienti con tipo A o AB.

I pazienti con tipo A o AB, nel frattempo, avevano anche maggiori probabilità di aver bisogno della dialisi, una procedura che aiuta i reni a filtrare le tossine dal sangue.

Uno studio di giugno ha trovato un collegamento simile: i pazienti in Italia e Spagna con sangue di tipo O avevano un rischio ridotto del 50% di infezione da coronavirus grave (nel senso che avevano bisogno di intubazione o ossigeno supplementare) rispetto ai pazienti con altri tipi di sangue.

Il  secondo nuovo studio ha scoperto che le persone con sangue di tipo O possono avere un rischio inferiore di contrarre il coronavirus in primo luogo rispetto alle persone con altri gruppi sanguigni.

Il team ha esaminato quasi mezzo milione di persone nei Paesi Bassi che sono state testate per COVID-19 tra la fine di febbraio e la fine di luglio. Delle circa 4.600 persone che sono risultate positive e hanno riportato il proprio gruppo sanguigno, il 38,4% aveva sangue di tipo O. 

È inferiore alla prevalenza del tipo O in una popolazione di 2,2 milioni di danesi, il 41,7%, quindi i ricercatori hanno stabilito che le persone con sangue di tipo O avevano evitato in modo sproporzionato l’infezione.

Il gruppo sanguigno O è significativamente associato a una ridotta suscettibilità“, hanno scritto gli autori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.