Settembre 30, 2020

Kate Winslet infuriata: Come ho fatto a lavorare con Polanski e Woody Allen

2 min read

Kate Winslet taglia i ponti con il suo vasto curriculum di attrice, in particolare con le pellicole: Wonder Wheel , il film del 2017 diretto da Woody Allen, e Carnage , il film drammatico del 2011 di Roman Polanski.

E ‘come, che ca..o facevo a lavorare con Woody Allen e Roman Polanski?” Lo ha detto Winslet in un’intervista pubblicata giovedì su Vanity Fair . “È incredibile per me ora come quegli uomini fossero tenuti in così alta considerazione, così ampiamente nell’industria cinematografica e per tutto il tempo che hanno lavorato. È f…….. vergognoso. E devo assumermi la responsabilità del fatto che ho lavorato con entrambi. Non posso tornare indietro nel tempo. Sono alle prese con quei rimpianti.

Allen è stato accusato per la prima volta di aver abusato della figlia adottiva, Dylan Farrow, durante la sua relazione con l’attrice Mia Farrow nel 1992. Ha sempre negato l’accusa.

Il regista di Rosemary’s Baby, Polanski, è fuggito dal paese nel febbraio 1978, 11 mesi dopo aver avuto rapporti con una ragazza di 13 anni, che ha detto di averla violentata dopo un servizio fotografico. Si è dichiarato colpevole di un’accusa di rapporti con un minore nell’agosto 1977 ed era in attesa di condanna.

Nell’intervista di Winslet, ha detto che sia il movimento Me Too che il suo ultimo film, Ammonite , incentrato sulla storia d’amore di due donne, l’hanno aiutata a giungere a quella conclusione. È mentre lavora al film, in cui interpreta la paleontologa britannica del XIX secolo Mary Anning, che ha iniziato a notare cose come la differenza nel modo in cui vengono presentate le coppie dello stesso sesso e la reazione. (Ha notato che, mentre promuoveva il film, le è stato ripetutamente chiesto com’è stato baciare la co-protagonista Saoirse Ronan.) E il modo in cui, quando una donna che prende il ruolo di protagonista in un film è sempre “esuberante e prende il controllo”, piuttosto che solo qualcuno che sa quello che vuole.

” Ammonite mi ha reso davvero consapevole di essere ancora più impegnata ad onorare ciò che le donne vogliono dire per se stesse nei film e come vogliamo essere rappresentate, indipendentemente dall’orientamento sessuale“, ha detto Winslet. “Perché la vita è breve e vorrei fare del mio meglio quando si tratta di dare un buon esempio alle donne più giovani. Stiamo offrendo loro un mondo piuttosto marcio, quindi vorrei fare la mia parte per avere una certa integrità “.

In un certo senso, le passate esperienze l’hanno fatta arrabbiare, come rivela lei stessa.

Mi ha fatto sentire un po ‘arrabbiata con me stessa, il fatto che forse non mi sono presa abbastanza responsabilità per come avrei potuto permettere ad un personaggio di essere interpretato in relazioni eterosessuali sullo schermo in passato“, ha detto Winslet.

foto@Wikimedia

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.