Rose stabilizzate, un regalo che va sempre più di moda
Rose stabilizzate un regalo che va sempre piu di moda

Che si tratti di un compleanno, di un anniversario o di un semplice cadeau, tra i regali più comprati ed apprezzati ci sono sempre i fiori.

Freschi, profumati, colorati, ma anche purtroppo estremamente caduchi: un bel mazzo di rose, anche con tutte le cure del caso, dopo qualche giorno inevitabilmente appassisce.

Ecco perché è sempre più in voga regalare le cosiddette “Rose stabilizzate”. Ma di cosa si tratta?

Essenzialmente sembrano sempre freschi ed appena raccolti, ma in realtà i fiori sono stati sottoposti ad un processo che, pur mantenendo inalterato il loro aspetto, ne prolunga per un tempo lunghissimo la durata.

In buona sostanza le rose stabilizzate sono delle vere rose, ma un processo di liofilizzazione le rende conservabili per molto tempo, riuscendo a mantenerne la bellezza e la morbidezza naturale.

Il procedimento di stabilizzazione consiste nel sostituire la parte liquida che si trova all’interno del fiore con dei composti chimici che non ne alterino l’aspetto ma che blocchino la crescita e quindi la decadenza della corolla.

La rosa stabilizzata è un regalo graditissimo soprattutto nelle coppie: la sua lunga durata riesce ad esprimere appieno la volontà di ogni innamorato, che spera che la sua relazione duri per sempre.

foto@Flickr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like

Povertà affligge milioni di persone in Italia

Rimbombano nella mente di chiunque abbia seguito, anche superficialmente, la politica negli…

Paola Barale incinta, il web e il presunto scoop

Il presunto scoop è delle ultime ore, e a lanciarlo è stato…

Cacao: migliorare la cognizione umana con i flavonoidi

Migliorare le capacità cognitive è diventata un’affascinante sfida scientifica, di recente guidata…

Sono tanti i farmaci utilizzati che possono portare alla depressione

Sono tanti i farmaci utilizzati che portano alla depressione, sarebbe questa la…