Luglio 31, 2021

Scienziati sviluppano una nuova teoria legata allo stress

3 min read
Scienziati sviluppano una nuova teoria legata allo stress

Uno studio suggerisce che la maggior parte degli animali rimane stressata più a lungo di quanto sia normale, dopo un incidente che induce stress.

Gli scienziati hanno creato un modello evolutivo per prevedere come gli animali dovrebbero reagire in situazioni di stress.

Quasi tutti gli organismi hanno risposte allo stress ad azione rapida, che li aiutano a rispondere alle minacce, ma essere stressati consuma energia e lo stress cronico può essere dannoso.

Il nuovo studio di un team internazionale, che comprende ricercatori delle università di Bristol ed Exeter, suggerisce che la maggior parte degli animali rimane stressata più a lungo di quanto sia normale, dopo un incidente che induce stress.

Le ragioni di ciò non sono chiare, ma una possibilità è che ci sia un limite alla velocità con cui il corpo può rimuovere gli ormoni dello stress dalla circolazione.

Sebbene le basi fisiologiche del sistema di risposta allo stress siano state ampiamente studiate, in precedenza abbiamo capito molto poco del motivo per cui questo sistema si è evoluto“, ha affermato il dott. Sian English della School of Biological Sciences dell’Università di Bristol.

Abbiamo dimostrato che considerare sia i meccanismi di eliminazione degli ormoni sia le caratteristiche dell’ambiente – quanto sia prevedibile la minaccia nel tempo – può aiutare a spiegare la risposta allo stress universale e come varia“.

Le nostre scoperte sono tanto più rilevanti oggi quando viviamo in tempi così incerti e lo stress è un argomento di discussione quotidiana“.

Scienziati sviluppano una nuova teoria legata allo stress

Il dottor English ha lavorato con esperti di modellazione matematica, tra cui il professore di Bristol, John McNamara e il dott. Tim Fawcett dell’Università di Exeter, per sviluppare il quadro concettuale e considerare le più ampie implicazioni sullo stress in pesci, uccelli e mammiferi.

Abbiamo creato uno dei primi modelli matematici per capire come si sono evoluti gli organismi per affrontare eventi stressanti“, ha affermato il dott. Fawcett.

Combina la ricerca esistente sulla fisiologia dello stress in una varietà di organismi con l’analisi delle risposte ottimali che bilanciano i costi e i benefici dello stress“.

Sappiamo che le risposte allo stress variano enormemente tra specie diverse e persino tra individui della stessa specie, come vediamo negli esseri umani“.

Il nostro studio è un passo avanti verso la comprensione del motivo per cui le risposte allo stress sono così variabili.

I ricercatori definiscono lo stress come il processo di un organismo che risponde a fattori di stress (minacce e sfide nel loro ambiente), inclusi sia il rilevamento che la risposta allo stress stessa.

Un punto chiave evidenziato nello studio è l’importanza di quanto siano prevedibili le minacce.

Il modello suggerisce che un animale che vive in un ambiente pericoloso dovrebbe avere un livello di stress “di base” elevato, mentre un animale in un ambiente più sicuro trarrebbe vantaggio dalla capacità di aumentare e ridurre i livelli di stress rapidamente.

Il nostro approccio rivela la prevedibilità ambientale e i limiti fisiologici come fattori chiave che determinano l’evoluzione delle risposte allo stress“, ha affermato l’autore principale, la professoressa Barbara Taborsky, dell’Università di Berna.

Sono necessarie ulteriori ricerche per far avanzare la comprensione scientifica di come si è evoluto questo sistema fisiologico fondamentale“.

Lo studio è stato condotto dalle università di Berna, Exeter, Bristol, Stoccolma e Turku e dal Brain Mind Institute dell’École polytechnique fédérale de Lausanne..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.