Ottobre 30, 2020

Yoko Ono contro l’ex assistente di John Lennon

3 min read
Yoko Ono contro ex assistente di John Lennon

Yoko Ono ha citato in giudizio l’ex assistente personale del suo defunto marito John Lennon, sostenendo che ha ancora una volta cercato di trarre profitto dalla sua famiglia, nonostante abbia precedentemente accettato di non rilasciare interviste sul lavoro riguardo all’ex Beatle. 

Secondo quanto riferito dal magazine TMZ , Ono, 87 anni, ha intentato una nuova causa contro Frederic Seaman – che ha lavorato per Lennon per 18 mesi fino alla sua morte nel 1980 – poiché ritiene che abbia violato un precedente ordine del tribunale che gli impediva di rilasciare interviste sulla star della musica. 

La vedova di John Lennon sostiene che Seaman abbia rilasciato un’intervista di 23 minuti il ​​10 settembre in cui ha discusso della vita di Lennon ed è stato circondato dai cimeli del cantante, il che va contro il suo accordo del 2002 di rimanere in silenzio sul suo breve rapporto di lavoro con la famiglia Lennon . 

Secondo il rapporto, Ono avrebbe richiesto una somma pari a 150.000 dollari insieme ad altri danni, nel tentativo di Seaman di astenersi dal trarre ulteriori profitti da Lennon.   

La disputa legale vecchia di decenni tra i due si è conclusa nel 1983, quando Seaman ha ammesso al procuratore distrettuale di Manhattan di aver scattato fotografie, lettere e diari privati ​​dalla residenza di Lennon a Manhattan. 

Tuttavia, Ono è stata costretta a intraprendere di nuovo un’azione legale alla fine degli anni Novanta, dopo che Seaman è apparso come “un esperto dell’infanzia e della vita adulta di Lennon” in un programma di Fox Family Channel, dove ha mostrato fotografie che Ono aveva affermato di aver rubato.  

Nel 2002, Ono ha risolto la causa con Seaman, che ha accettato di cedere il suo copyright a centinaia di foto di famiglia della famiglia Lennon e di essere vincolato da un accordo di riservatezza che ha firmato nel 1979. 

A quel tempo, Seaman avrebbe accettato di astenersi dal pubblicare un altro libro che racconta tutto sulla star della musica, o anche di rilasciare interviste sul suo lavoro come assistente personale di Lennon, durante gli ultimi mesi della sua vita prima di essere assassinato nel 1980. 

Seaman ha persino offerto alla famiglia delle scuse formali in una dichiarazione che diceva: ‘Ho sbagliato verso di te ed in effetti sono colpevole di violare la tua fiducia. Dopo più di 20 anni, è tempo che ti chieda perdono per le mie azioni. È impossibile annullare ciò che è accaduto. Ma finisce qui e ora“. 

Ono afferma nella sua ultima causa che Seaman ha rilasciato un’intervista il 10 settembre, parlando ancora una volta del tempo trascorso a lavorare con Lennon e Ono, del suo omicidio e del suo libro del 1991 The Last Days of John Lennon. 

Yoko Ono inoltre afferma che Seaman ha rivelato di voler ristampare il suo libro, che secondo lei sarebbe “intenzionalmente violare” l’ingiunzione che ha ricevuto nel caso del 2002.

Si dice che il figlio di John, Sean Lennon, 44 anni, si sia trovato faccia a faccia con Seaman nel drammatico caso giudiziario del 2002, poiché aveva conosciuto Seaman quando era bambino. 

Secondo quanto riferito all’epoca, Seaman offrì a Sean uno dei suoi libri su Lennon pochi istanti prima che l’accordo fosse annunciato. 

Secondo quanto riferito, Sean ha risposto: “Eri la persona più intima della famiglia – Mi sono sentito così tradito da te, più di chiunque altro“, aggiungendo: “Questo sarà il miglior libro che abbia mai bruciato“.

foto@Wikimedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.