Bohemian Rhapsody il significato di Rami Malek e le teorie sul testo
Bohemian Rhapsody il significato di Rami Malek e le teorie sul testo

Che cosa significa realmente Bohemian Rhapsody per Rami Malek?

La classica “Bohemian Rapsody” cantata da Freddie Mercury è stata numero uno nelle classifiche del Regno Unito non una, ma due volte. Ma perché questo oscuro testo è diventato una delle più grandi canzoni della storia della musica britannica e non solo?

Bohemian Rhapsody era il sesto singolo dei Queen, registrato per il loro quarto album, A Night At The Opera. La traccia ha avuto l’eccezionale riconoscimento di essere un Christmas Number 1 due volte – nel 1975 e nel 1991. La seconda volta è arrivata all’indomani della morte del cantante e compositore Freddie Mercury, a soli 45 anni. È diventato così associato alla canzone, che ora il brano, come tutti sanno, è il titolo del film biografico dell’artista.

Rami Malek, che interpreta Mercury nel film biografico, dice della canzone: “Non c’è niente come quella canzone. È allo stesso tempo molto emotiva, a volte ossessionante, molto capricciosa, operistica, ovviamente.

Ha detto a John Robins di Radio X: “Quando l’ho ascoltata per la prima volta, ho avuto questo senso, wow, la musica è molto più bella di quanto pensassi. Ascoltare quella canzone mi ha fatto pensare all’arte, non c’erano limiti o parametri a ciò che potevamo fare in modo creativo. Penso che sia stata una lezione molto importante da imparare da giovane “.

Per uno dei singoli più venduti nella storia della classifica britannica, e non solo, è un record notevole. Il brano ha una durata di circa sei minuti, vira dalla ballata, all’opera, all’hard rock e torna alla ballata lungo il cammino e ha uno dei testi più oscuri da analizzare.

Mamma, ho appena ucciso un uomo, gli ho puntato una pistola alla testa, ho premuto il grilletto, ed ora è morto” recita la seconda strofa del brano.

Molti critici e tantissimi fan hanno cercato di arrivare in fondo a ciò che il testo in realtà significa. Alcune persone pensano che sia basato su una storia vera, altri invece pensano che sia tutta una questione della classica lotta tra il bene e il male che è rappresentata nella fede zoroastriana dell’autore.

Altri affermano che si tratta della lotta personale di Mercury per venire a patti con la sua omosessualità.

Mercury stesso non ha mai dato alcun indizio, dicendo solo che la canzone era “personale, sulle relazioni” aggiungendo poi successivamente:” Penso che la gente dovrebbe solo ascoltarla, pensarci e quindi decidere da sola cosa significa.

DJ Kenny Everett, un amico di Freddie e il primo a suonare la canzone alla radio ha rivelato: “Freddie mi ha detto che Bohemian Rhapsody era in realtà solo casuale“.

Il chitarrista dei Queen Brian May ha dichiarato a Blender: “Freddie era una persona molto complessa: sfacciata e divertente in superficie, ma nascondeva insicurezze e problemi nel quadrare la sua vita con la sua infanzia. Non ha mai spiegato i testi, ma penso che abbia messo molto se stesso in quella canzone “.

L’amico di scuola di Mercury, Chris Smith, ha dichiarato alla BBC che la parte iniziale del brano è iniziata nel 1969,con il titolo provvisorio di “The Cowboy Song“.

Il produttore dei Queen Roy Thomas Baker rimase sorpreso quando Mercury gli suonò la sua nuova composizione. Ha ricordato nel 1999: “La parte centrale era solo un paio di secondi, ma Freddie continuò a sviscerarla e ad aggiungere di più di ” Galileo “e continuammo ad aggiungere alla sezione dell’opera.

Il breve interludio operistico si estendeva senza controllo, come ricorda Baker: “È diventato sempre più grande. Non smettevamo più di ridere.

Alla fine delle sessioni dei Rockfield Studios nel Galles del Sud, nell’estate del 1975, il nastro conteneva più di 180 tracce vocali separate fornite da Mercury, May e dal batterista Roger Taylor. May ha affermato che ci sono state così tante sovraincisioni, che è possibile vederle chiaramente attraverso il nastro.

Il manager della EMI e  dei Queen, John Reid, non è rimasto colpito dal fatto che Bohemian Rhapsody fosse stata scelta dal gruppo come singolo. Un brano di sei minuti, non era considerato commerciale, ma con il supporto di Kenny Everett, il singolo uscì il 31 ottobre 1975.

Bohemian Rhapsody era arrivata in vetta alle classifiche entro dicembre, aiutata da due cose. In primo luogo, c’era il famoso video, le immagini distintive hanno avuto un impatto sugli spettatori di Top Of The Pops, che hanno visto la clip per ognuna delle nove settimane del singolo che ha tenuto il posto numero 1. Bo Rhap (come è diventato noto nel Regno Unito) ha dato il via al video musicale come forma d’arte ed è stato uno strumento promozionale come nessun altro.

In secondo luogo, anche se è forse troppo familiare ora, Bohemian Rhapsody non era paragonabile a niente altro presente in quel momento sulla scena artistica mondiale. Solo i Queen avrebbero potuto prendere gli eccessi del progressive rock e renderli più semplici per un pubblico di massa. Era sperimentale e aveva un fascino di massa, tutto allo stesso tempo.

Bohemian Rhapsody è l’ultimo tributo al talento dei Queen, la band e la singolare verve artistica di Freddie Mercury.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like

Il segreto il ritorno a Puente Viejo di Fernando Mesia

Il segreto va in onda dal lunedì al venerdì alle ore 16:20…

Derrick Rose con i 50 punti entra nella storia insieme a?

La notte di Halloween è diventata la storia di Derrick Rose, che…

J-Ax, grande sofferenza nella ricerca di un figlio

La sua ultima canzone, “Tutto tua madre”, ha commosso tutti: J-Ax, a…

Milano si mobilita in massa contro il razzismo

Troppo spesso si tende a generalizzare, in un senso o nell’altro: come…