Cancro al seno terapie per carcinoma mammario utili anche per uomo
Notizie

Cancro al seno: terapie per carcinoma mammario utili anche per l’uomo

Una nuova relazione legata ad alcuni studi sulle nuove terapie somministrate a donne con carcinoma mammario avanzato altrettanto efficaci e sicure negli uomini, fa chiarezza

Le attuali terapie utilizzate per il trattamento del carcinoma mammario avanzato nelle donne sono aefficaci e sicure anche per gli uomini con questa malattia, in base ai risultati di tre diversi studi.

Questi risultati sono stati esposti in modo dettagliato al Congresso 2018 della Società Europea per l’Oncologia Medica (ESMO) che si è svolto dal 19 al 23 ottobre a Monaco di Baviera.

Circa l’1% di tutti i casi di cancro al seno si verificano negli uomini. Ma i pazienti maschi sono spesso esclusi dagli studi clinici sul cancro al seno e le informazioni sull’efficacia e sulla sicurezza delle terapie attuali sono scarse. La gestione della terapia del cancro negli uomini è in gran parte basata su ciò che è noto e fatto nelle donne.

I ricercatori in Francia hanno analizzato e confrontato i dati clinici, inclusi ovviamente il trattamento, la risposta al trattamento e le percentuali di sopravvivenza, di uomini e donne con carcinoma mammario metastatico.

I dati sono stati recuperati dalla piattaforma Epidemiological Strategy e Medical Economics Metastatic Breast Cancer (ESME MBC) , un database nazionale che raccoglie informazioni reali su pazienti con nuova diagnosi di carcinoma mammario metastatico. Tra gennaio 2008 e dicembre 2014, i ricercatori hanno incluso persone che hanno iniziato il trattamento in 18 centri di cura del cancro in tutta la Francia.

I risultati finali sono stati presentati nella pubblicazione “Gestione e risultati del carcinoma mammario metastatico negli uomini nel programma nazionale ESME di osservazione multicentrico“.

Dei 16.701 pazienti valutabili, 149 (0,89%) erano uomini. Gli uomini erano leggermente più anziani (età media 68,1) rispetto alle 16.552 donne (età media di 60,6). Più di tre quarti degli uomini presentavano carcinoma mammario negativo, recettore 2 dell’ormone epidermico del recettore dell’ormone umano (HER2) e il 65,6% delle donne.

I risultati hanno mostrato che uomini e donne questo tumore avanzato hanno ricevuto trattamenti simili.

Circa il 43% degli uomini con carcinoma mammario metastatico HR positivo / HER2 negativo ha ricevuto terapia ormonale di prima linea, tamoxifene (44,4%), inibitore dell’aromatasi con analoghi dell’ormone rilasciante dell’ormone luteinizzante (LHRH) (40,0%) o altri (15,5%), mentre il 27,6% ha avuto la chemioterapia come trattamento di prima linea.

La sopravvivenza libera da progressione (PFS), o il tempo in cui un paziente vive senza che il cancro progredisca, è stato confrontato tra uomini e donne della stessa età, tipo di tumore al seno, posizione della metastasi e trattamento.

La PFS è risultata simile per entrambi i tipi di trattamento tra questi gruppi, con uomini e donne sottoposti a terapia ormonale per un periodo rispettivamente 9,8 e 13,0 mesi senza progressione del cancro e rispettivamente 6,9 ​​e 6,3 mesi con chemioterapia .

Anche la sopravvivenza globale per gli uomini (41,8 mesi) è risultata simile a quella delle donne (34,9 mesi).

Questo nuovo studio mostra che la prognosi di uomini e donne è simile, che è di grande valore in quanto ciò giustifica la nostra attuale pratica clinica“, ha detto Agnes Jager, oncologa medica e professore associato presso l’ Erasmus Medical University Cancer Institute , Rotterdam, Paesi Bassi con la diffusione di un comunicato stampa .

Il prossimo passo in questo studio in corso sarà la valutazione della frequenza delle mutazioni BRCA negli uomini e nelle donne e la sua associazione con le risposte al trattamento. Questi risultati, insieme al follow-up a lungo termine, dovrebbero migliorare il trattamento personalizzato del carcinoma mammario metastatico negli uomini.

La pubblicazione “Analisi finale dello studio Maschio-GBG54: uno studio prospettico di fase II multicentrico che valuta il trattamento endocrino con l’analogo dell’ormone rilasciante gonadotropina tannossifen +/- (GnRHa) o un inibitore dell’aromatasi + GnRHa in pazienti affetti da cancro al seno maschile” mostra i risultati del primo studio prospettico randomizzato per valutare l’efficacia e la sicurezza dei diversi trattamenti ormonali negli uomini con carcinoma mammario.

Poiché oltre il 90% del cancro al seno negli uomini è positivo per i recettori ormonali, le terapie utilizzate mirano a sopprimere la crescita ormonale del cancro. Il tamoxifene, lo standard di cura in questo tipo di tumore al seno, blocca l’interazione tra estrogeni e recettori degli estrogeni nelle cellule tumorali, mentre gli inibitori dell’aromatasi, come Aromasin ( exemestane ), bloccano la produzione di estrogeni stessi.

I risultati di 46 pazienti che hanno completato l’analisi di sei mesi hanno mostrato che i livelli di estradiolo erano aumentati con il solo tamoxifene, mentre l’aggiunta di GnRHA a tamoxifene o Aromasin ha portato a una sostanziale e stabile diminuzione dei livelli di estradiolo dopo tre e sei mesi.

I ricercatori hanno notato che erano previsti aumentati livelli di estradiolo con il tamoxifene, poiché sono un effetto ben noto nelle donne. Queste terapie erano anche ben tollerate.

Anche il Tamoxifen ha avuto un impatto limitato sulla qualità della vita dei pazienti e sulla funzione erettile, mentre la combinazione di taxomifen o Aromasin con GnRHa è stata associata a importanti effetti avversi su entrambe le misure.

Questi risultati supportano l’uso del tamoxifene da solo come terapia ormonale standard per gli uomini con carcinoma mammario, dal momento che “gli effetti collaterali sono moderati, difficilmente compromettono il comportamento sessuale”, mentre l’aggiunta di GnRH “influenza profondamente il benessere e la funzione erettile dei pazienti” “, ha confermato Mattea Reinisch, il primo autore dello studio.

Il terzo studio, ha mostrato risultati preliminari di uno studio di Fase 3 che valuta la sicurezza e l’efficacia di Kisqali (ribociclib) in combinazione con Femara ( letrozolo ) in pazienti con cancro della mammella.

La maggior parte dei pazienti con carcinoma mammario HR positivo diventa resistente alle terapie ormonali, ma trattamenti come Kisqali – che sopprimono le molecole CDK4 / 6 – hanno dimostrato di aiutare a superare o ritardare questa resistenza.

Kisqali, in combinazione con un inibitore dell’aromatasi (come Femara ) è stato approvato dalla FDA come terapia di prima linea per tutte le donne con carcinoma mammario HR positivo, HER2-avanzato o metastatico, indipendentemente dal loro stato di menopausa.

Lo studio Phase 3b CompLEEment-1 ( NCT02941926 ) sta valutando la terapia combinata Kisqali-Femara negli uomini e nelle donne in pre- o postmenopausa con carcinoma mammario avanzato HR-positivo, HER2-negativo, precedentemente non trattato. Il test è condotto in circa 525 centri clinici in tutto il mondo e sta ancora reclutando partecipanti.

I risultati presentati al congresso si sono incentrati sui risultati della sicurezza in 20 uomini che hanno completato 56 giorni di follow-up o hanno interrotto il trattamento prima della interruzione dei dati.

Hanno dimostrato che il profilo di sicurezza della terapia combinata Kisqali-Femara era simile negli uomini a quello osservato nelle donne.

Gli eventi avversi più frequenti riportati da questi uomini sono stati vampate di calore (30%), neutropenia – bassi livelli di neutrofili, un tipo di globuli bianchi – (20%) e costipazione (20%). Eventi avversi gravi comprendono neutropenia e aumento dei livelli degli enzimi epatici.

Circa il 35% degli uomini aveva bisogno di abbassare o temporaneamente interrompere le loro dosi durante quel periodo di tempo, e due si ritirarono dal trattamento a causa di eventi avversi.

È urgente che le strategie che si sono dimostrate efficaci nel deferire la resistenza alla terapia endocrina, ormonale, nelle donne siano esplorate anche negli uomini con carcinoma mammario avanzato, inclusi gli inibitori CDK4 / 6”  conferma Stefan Zimmerman, MD, del Centre Hospitalier Universitaire Vaudois in Svizzera.

fonte@BreastCancer-news.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *