Carenza di vitamina d ecco la dieta per evitarla
Alimentazione Notizie

Carenza di vitamina d: ecco la dieta per evitarla

Qual è la migliore dieta per evitare i sintomi della carenza di vitamina D

Il rischio di carenza di VITAMINA D può essere ridotto aggiungendo determinati alimenti alla propria dieta o passando più tempo al sole. Riduci le possibilità di sintomi da carenza seguendo questo programma di dieta giornaliero.

La vitamina D è usata dal corpo per mantenere sani i muscoli, i denti e le ossa, come confermano gli esperti sanitari .

La vitamina D viene utilizzata per regolare la quantità di calcio e fosfato nel corpo.

La carenza di vitamina D, può portare a gravi deformità ossee, rachitismo o osteomalacia.

Ma si può ridurre il rischio di una carenza di vitamina D aggiungendo determinati alimenti alla propria dieta.

Mangiare regolarmente pesce grasso può aiutarti a ottenere la quantità raccomandata di vitamina D, ha detto l’ente benefico Heart UK.

Questa tipologia di pesce comprende aringa, sgombro, salmone e sardine.

Fegato e olio di pesce sono anche buone fonti di vitamina D, così come il latte artificiale.

La vitamina D è una vitamina liposolubile che è presente solo in alcuni cibi nella nostra dieta“, ha confermato Heark Uk.

È necessario per ossa e denti sani e per aiutare a controllare il modo in cui il calcio e il fosforo vengono utilizzati nel corpo. Molte persone trovano difficile ottenere l’assunzione raccomandata di vitamina D solo dal cibo.

Potresti anche fare il pieno di vitamina D mangiando alcuni cereali per la colazione, ha aggiunto Heart UK.

L’aggiunta di latte intero o yogurt ai cereali potrebbe aumentare ulteriormente la quantità di vitamina D nella tua colazione.

Le uova, la carne e gli spalmabili fortificati sono anche queste modeste fonti di vitamina D.

Tutti hanno bisogno di circa 10 mcg di vitamina D ogni giorno. Questa è la quantità media necessaria per mantenere livelli sani nel sangue.

Ma l’assunzione media di vitamina D dalla dieta è di circa 2-3 mcg al giorno.

Naturalmente per ricaricarti di vitamina D è possibile spendere più tempo alla luce diretta del sole, come confermano i servizi sanitari.

Ma alcune persone potrebbero essere a rischio di una carenza di vitamina D durante i mesi invernali a causa della riduzione delle ore diurne.

Il Dipartimento della salute raccomanda che tutti prendano un integratore di vitamina D da 10 mcg durante i mesi invernali.

Alcuni supplementi sono dichiarati come Unità Internazionali (UI). 10mcg è l’equivalente di 400IU.

I più a rischio di carenza sono i neonati, gli anziani e coloro che trascorrono la maggior parte del loro tempo in casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *