Aprile 15, 2024

Epidemia di morbillo in Europa, colpa del calo dei vaccini

4 min read
Epidemia di morbillo in Europa colpa del calo dei vaccini

Calo dei vaccini alla base dell’epidemia che quest’anno ha ucciso 37 persone in Europa che sono morte di morbillo

Un’epidemia di morbillo si sta scatenando in tutta Europa, nei primi sei mesi del 2018, ci sono stati 41.000 casi registrati di infezione virale facilmente prevenibile.

Quel periodo di sei mesi ha visto quasi il doppio del numero più alto di casi in un anno dal 2010, che era di 23.927 in tutto il 2017 e che ha portato a 37 decessi per il morbillo. E secondo gli esperti negli Stati Uniti , questo è ciò che l’America potrebbe affrontare se anche i loro genitori non vaccinassero i figli.

Abbiamo di fronte una situazione molto seria“, ha detto alla NBC il medico pediatrico Alberto Villani dell’Ospedale Pediatrico Bambin Gesù e il presidente della Società Pediatrica Italiana in Italia .

E, sì, inequivocabilmente, la ragione della gravità dell’epidemia è il calo dei tassi di vaccinazione. Al fine di prevenire epidemie, almeno il 95% della popolazione deve essere vaccinato con due dosi del vaccino del morbillo, della parotite e della rosolia (MMR).

In alcune parti d’Europa, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la copertura vaccinale è inferiore al 70%.

È il principale fattore che ha portato allo scoppio di questi focolai“, ha detto alla NBC Anca Paduraru, della Commissione europea a Bruxelles . “È inaccettabile avere nel 21esimo secolo malattie che avrebbero dovuto e potuto essere sradicate“.

Il morbillo è già in aumento negli Stati Uniti. L’anno scorso ha visto peggiore epidemia del Minnesota da decenni, e all’inizio di quest’anno c’è stato un focolaio in New York City . C’è un focolaio in corso a Brooklyn in questo momento  con sei casi in crescita la scorsa settimana, tutti in bambini non vaccinati.

L’anno scorso, il Centro per il controllo delle malattie degli Stati Uniti ha studiato il crescente numero di epidemie di morbillo negli Stati Uniti e ha rilevato che il 70% dei nuovi casi si verifica in pazienti non vaccinati.

Come abbiamo riferito, il movimento anti-vax è cresciuto negli ultimi anni , in parte grazie a uno studio successivamente ritirato) del 1998 dall’ex medico Andrew Wakefield, che è stato cancellato dall’ordine medico del Regno Unito per cattiva condotta.

Lo studio di Wakefield ha utilizzato risultati deliberatamente falsificati per affermare fraudolentemente che esisteva un legame tra il vaccino MMR e l’autismo. Anche se le ricerche successive hanno rilevato che non esiste assolutamente alcun legame tra vaccini e autismo , non importa un caso, molti ancora ci credono e rifiutano di vaccinare i loro bambini, includendo anche il vaccino MMR.

Il morbillo è stato eliminato da paesi come ad esempio gli Stati Uniti, cioè, nessun nuovo caso ha avuto origine all’interno del paese, ma si verificano epidemie quando viene importato dall’esterno. L’epidemia di New York è stata causata da un turista, e l’attuale epidemia di Brooklyn è stata il risultato di un bambino non vaccinato che si recava in una zona in Israele attualmente sottoposta a un focolaio di morbillo.

Ciò che sta accadendo in Europa sta accadendo negli Stati Uniti, su scala più piccola a questo punto“, ha detto Peter Hotez, direttore del Texas Children’s Hospital Center for Vaccine Development del Baylor College of Medicine.

Ma potrebbe andare molto peggio se qualcosa non viene fatto. Un documento del 2014 ha rilevato che gli sforzi per correggere la disinformazione sono stati dolorosamente inadeguati rispetto allo sforzo concertato messo in atto dagli attivisti anti-vax, che usano Internet per diffondere il loro messaggio anti-scienza.

Quel messaggio è molto più pericoloso di quanto si poteva pensare all’inizio: se solo il cinque per cento di una comunità rifiuta di vaccinarsi, questo può avere un effetto sproporzionato sulla salute pubblica, triplicando il tasso annuale di morbillo.

Questo, a sua volta, non ha effetto solo sui pazienti, ma ha un impatto sull’intera comunità, aumentando il carico ospedaliero e gravando per una stima di almeno 2,1 milioni di dollari per il settore della sanità pubblica.

Il morbillo è anche altamente infettivo e potenzialmente mortale, in particolare per i bambini piccoli. Nel 2016, ci sono stati 89.780 decessi di morbillo a livello globale, la maggior parte dei quali in bambini di età inferiore ai 5 anni.

E nel decennio precedente all’introduzione del vaccino MMR nel 1963, ci furono tra 300 e 700 decessi registrati ogni anno negli Stati Uniti a causa del morbillo.

Le persone non li vedono e così se ne dimenticano o pensano che le malattie non esistano più“, ha detto il professore di medicina Jeffrey D. Klausner dell’Università della California, Davis.

Non si rendono conto che il loro bambino è a rischio di meningite da morbillo, encefalite e danni permanenti al cervello“.

fonte@ScienceAlert

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.