Diabete tipo 2 hai i livelli di zucchero alto con questi tre sintomi
Notizie

Diabete tipo 2, hai i livelli di zucchero alto con questi tre sintomi

Sintomi del diabete di tipo 2: tre principali segni che segnalano i livelli di zucchero troppo alti

I sintomi del diabete di tipo 2 possono essere difficili da rilevare perché spesso non causano malessere a una persona. Ma conoscere i primi segni della malattia può impedire lo sviluppo di tutta una serie complicazioni, ma ci sono tre principali sintomi a cui prestare attenzione.

Il diabete di tipo 2 è una condizione in cui il corpo non reagisce all’insulina come dovrebbe. Le cause comuni sono principalmente l’obesità e il sovrappeso in generale.

I sintomi della condizione non fanno necessariamente ammalare le persone, motivo per cui molte persone potrebbero non rendersi conto di averle.

Ma se il diabete di tipo 2 non viene trattato può causare gravi complicazioni di salute, come problemi ai reni e danni ai nervi.

Ci sono tre grandi sintomi del diabete, sia di tipo 1 che di tipo 2, da diffidare, secondo Diabetes.co.uk.

Questi tre principali sintomi sono poliuria, polidipsia e polifagia. In molti casi questi sintomi possono apparire insieme.

Poliuria

La poliuria è la necessità di urinare frequentemente. Il sito Diabetes.co.uk spiega: “La poliuria è definita come il passaggio frequente di grandi volumi di urina, più di tre litri al giorno rispetto alla normale produzione giornaliera di urina negli adulti di circa uno o due litri.

È uno dei principali sintomi del diabete (sia di tipo 1 che di tipo 2) e può portare a una grave disidratazione, che se non trattata può influire sulla funzione renale“.

Polidipsia

Questo è il termine usato per descrivere la sete eccessiva ed è uno dei sintomi iniziali del diabete, secondo il sito.

Il portale informativo aggiunge: “Di solito è accompagnato da secchezza temporanea o prolungata della bocca.

L’aumento della sete nelle persone con diabete a volte può essere, ma certamente non sempre, un’indicazione di livelli di glicemia più alti del normale“.

I sintomi della polidipsia includono la sete persistente e senza motivazioni, indipendentemente da quanto si beve, e il superamento di oltre 5 litri di urina al giorno.

Polifagia

Polifagia è il termine medico per definire un aumento dell’appetito. Il portale Diabetes.co.uk spiega: “Nel diabete incontrollato dove i livelli di glucosio nel sangue rimangono anormalmente alti, il glucosio dal sangue non può entrare nelle cellule a causa della mancanza di insulina o di resistenza all’insulina, così il corpo non può convertire il cibo che si mangia in energia.

Questa mancanza di energia provoca un aumento della fame. Semplicemente mangiando non si eliminerà la sensazione della polifagia nelle persone con diabete incontrollato, in quanto ciò si aggiunge ai già alti livelli di glucosio nel sangue.”

Il modo migliore per abbassare i livelli di glucosio nel sangue è quello di fare esercizio fisico, in quanto ciò può aiutare a stimolare la produzione di insulina e ridurre i livelli di zucchero nel sangue.

Tuttavia, se la fame persiste, potrebbe essere necessario consultare il proprio medico o uno specialista per il diabete.

Un altro indicatore della condizione legata al diabete è quella di dormire spesso, secondo una recensione scientifica.

Nelle scoperte presentate nel 2016 alla riunione annuale dell’Associazione europea per lo studio della malattia, è stato rivelato che le persone che hanno avuto sonnellini diurni più lunghi di un’ora avevano il 45 per cento in più di probabilità di avere il diabete di tipo 2 rispetto a quelli che si “appisolavano” meno .

Gli autori dello studio hanno aggiunto che è improbabile che il sonnellino durante il giorno causi effettivamente il diabete.

Ma hanno detto che potrebbe essere un segnale di allarme di un problema di salute di fondo, come la privazione del sonno o la depressione, che sono tutte condizioni associate ad un aumento del rischio di diabete.

Se avverti uno qualsiasi di questi sintomi del diabete di tipo 2 dovresti vedere il tuo medico di famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *