Vitamina D gli integratori non migliorano la salute delle ossa

Vitamina D gli integratori non migliorano la salute delle ossa

Gli integratori di vitamina D sono stati a lungo reclamizzati come uno dei migliori modi per migliorare la salute delle ossa e possibilmente per scongiurare l’osteoporosi negli anziani.

Un nuovo studio sostiene che le affermazioni dei benefici degli integratori della cosiddetta “vitamina del sole” non sono in realtà così utili, una revisione di studi precedentemente pubblicati ha rilevato che l’assunzione di dosi elevate o basse di integratori di vitamina D non ha impedito fratture o ha migliorato la densità ossea.

La vitamina D si trova in pochissimi alimenti. Una delle maggiori fonti di vitamina è l’esposizione alla luce solare.

L’uso di integratori di vitamina D è comune, in particolare nel Nord America” dove fino al 40% degli anziani li assume, ha detto il ricercatore capo Dr. Alison Avenell e una cattedra clinica nella ricerca sui servizi sanitari presso l’Università di Aberdeen in Scozia.

La maggior parte degli adulti non ha bisogno di assumere integratori di vitamina D, anche se è improbabile che facciano del male se assunti a basse dosi“, ha aggiunto.

Gli integratori di vitamina D prevengono le condizioni rare, come il rachitismo nei bambini e l’osteomalacia (ammorbidimento delle ossa) negli adulti. Le persone a rischio di carenza di vitamina D includono quelle con poca o nessuna esposizione al sole, come i residenti di case di cura che sono in casa tutto il tempo, o quelli che coprono sempre la loro pelle quando fuori, sostiene Avenell.

C’è anche la prova che la vitamina D aiuta a prevenire il cancro o le malattie cardiache, ha aggiunto.

La conservazione della forza ossea implica il mantenersi attivi, non fumare, non essere troppo magri e assumere farmaci per l’osteoporosi“, conferma Avenell.

Sulla base delle nuove scoperte, Avenell ritiene che le linee guida che raccomandano gli integratori di vitamina D per la salute delle ossa dovrebbero essere cambiate.

Per il nuovo rapporto, Avenell e i suoi colleghi hanno esaminato 81 studi, la maggior parte dei quali trattati con vitamina D da sola, non in combinazione con il calcio minerale.

Gli integratori di calcio da soli hanno un effetto minimo sulla densità minerale e sulla frattura ossea e possono aumentare il rischio di malattie cardiovascolari“, rivela Avenell.

L’unica evidenza che il calcio e la vitamina D insieme prevengono le fratture, risultati da una sperimentazione su persone anziane con livelli di vitamina D molto bassi nelle case di cura. Ma il calcio e la vitamina D possono anche aumentare il rischio di malattie cardiovascolari, ha detto Avenell.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *