Ottobre 30, 2020

Cashmere, ecco da dove proviene questo prezioso tessuto

1 min read
Cashmere ecco da dove proviene questo prezioso tessuto

Oggi l’industria della moda può contare su una miriade di tessuti con cui realizzare le proprie creazioni, dal cotone alla lana, passando per quelli sintetici e ricreati in laboratorio per gli usi più svariati.

Ma quanto a pregio ben pochi possono competere con il Cashmere, che è anche tra i più desiderati per la sua morbidezza, una vera e propria carezza per la pelle.

Questa fibra tessile naturale si ottiene dal vello dell’animale Capra hircus.

Il suo nome viene dal Kashmir, regione storica attualmente divisa tra India, Pakistan e Cina, da dove si esportò verso l’Europa sin dall’inizio del XIX secolo: proprio di questa regione è originaria questa capra capace di dare la preziosa fibra.

Oggi questa capre vengono allevate in paesi come Iran, Russia, Afganistan, Turchia e India, ma il cashmere più bello e più pregiato al mondo proviene dagli altopiani della Mongolia Interna cinese.

La lana è estratta con una naturale pettinatura dell’animale, che avviene solo in primavera e la parte più pregiata, ossia la lana più fine e più lunga che è quella del sottomantello, si chiama Duvet.

Il colore naturale può spaziare dal bianco al nero e al beige, con tutta una serie di colori e sfumature intermedi.

Una capra produce solo 100 grammi circa di cashmere utilizzabile, quindi per la creazione di un semplice pull è necessaria la lana di almeno 2 capre fino a quella di 6 capre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.