Dicembre 3, 2020

Coronavirus: immunità potrebbe durare anni

3 min read
Coronavirus immunita potrebbe durare anni

Quanto può durare l’immunità al coronavirus? Anni, forse addirittura decenni, secondo un nuovo studio: la risposta più promettente ad una domanda che ha oscurato i piani per una vaccinazione su larga scala.

Otto mesi dopo l’infezione, la maggior parte delle persone che si sono riprese hanno ancora abbastanza cellule immunitarie per respingere il virus e prevenire le malattie, come mostrano i nuovi dati. Un lento tasso di declino a breve termine suggerisce, fortunatamente, che queste cellule possono persistere nel corpo per un tempo molto, molto lungo a venire.

La ricerca, pubblicata online, non è stata sottoposta a peer review né pubblicata su una rivista scientifica. Ma è lo studio più completo e di lunga durata sulla memoria immunitaria al coronavirus fino ad oggi.

Quella quantità di memoria probabilmente impedirebbe alla stragrande maggioranza delle persone di contrarre malattie ricoverate in ospedale, malattie gravi, per molti anni“, ha detto Shane Crotty, virologo presso l’Istituto di immunologia di La Jolla che ha co-condotto il nuovo studio.

È probabile che i risultati siano un sollievo per gli esperti preoccupati che l’immunità al virus potrebbe essere di breve durata e che i vaccini potrebbero dover essere somministrati ripetutamente per tenere sotto controllo la pandemia.

E la ricerca coincide con un’altra scoperta recente: che i sopravvissuti alla SARS, causata da un altro coronavirus, portano ancora alcune importanti cellule immunitarie 17 anni dopo il recupero.

I risultati sono coerenti con le prove incoraggianti che emergono da altri laboratori. I ricercatori dell’Università di Washington, guidati dall’immunologa Marion Pepper, avevano precedentemente dimostrato che alcune cellule di “memoria” prodotte a seguito dell’infezione con il coronavirus persistono per almeno tre mesi nel corpo.

Uno studio pubblicato la scorsa settimana ha anche scoperto che le persone che si sono riprese da COVID-19 hanno cellule immunitarie killer potenti e protettive anche quando gli anticorpi non sono rilevabili.

Questi studi “stanno tutti in generale dipingendo lo stesso quadro, ovvero che una volta superate quelle prime settimane critiche, il resto della risposta sembra piuttosto convenzionale“, ha detto Deepta Bhattacharya, immunologa dell’Università dell’Arizona.

Akiko Iwasaki, immunologa dell’Università di Yale, ha detto di non essere sorpresa dal fatto che il corpo abbia una risposta duratura perché “è quello che dovrebbe accadere“. Tuttavia, è stata incoraggiata dalla ricerca: “Questa è una notizia entusiasmante“.

Un piccolo numero di persone infette nel nuovo studio non aveva un’immunità di lunga durata dopo il recupero, forse a causa delle differenze nelle quantità di coronavirus a cui erano state esposte. Ma i vaccini possono superare questa variabilità individuale, ha affermato Jennifer Gommerman, immunologa dell’Università di Toronto.

Questo aiuterà a focalizzare la risposta, in modo da non ottenere lo stesso tipo di eterogeneità che vedresti in una popolazione infetta“, ha detto.

Negli ultimi mesi, le segnalazioni di un calo dei livelli di anticorpi hanno creato la preoccupazione che l’immunità al coronavirus possa scomparire in pochi mesi, lasciando le persone nuovamente vulnerabili al virus.

Ma molti immunologi hanno notato che è naturale che i livelli di anticorpi diminuiscano. Inoltre, gli anticorpi sono solo una parte del sistema immunitario.

Sebbene gli anticorpi nel sangue siano necessari per bloccare il virus e prevenire una seconda infezione – una condizione nota come immunità sterilizzante – le cellule immunitarie che “ricordano” il virus, sono più spesso responsabili della prevenzione di malattie gravi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.