John Lennon assassino torna in liberta vigilata
Notizie

John Lennon, l’assassino torna in libertà vigilata

L’assassino di John Lennon dice di provare “sempre più vergogna” anno dopo anno

Mark David Chapman ha rivelato ai membri del comitato per la libertà, il suo rimorso alla decima udienza di agosto, secondo la trascrizione del tribunale.

L’uomo che ha ucciso John Lennon ha dichiarato ad una commissione di libertà vigilata che sente “sempre più vergogna” ogni anno per aver ucciso l’ex Beatle fuori dal suo appartamento di Manhattan nel 1980.

Trent’anni fa non potevo dire di aver provato vergogna e ora so che cos’è la vergogna“, ha detto Mark Chapman. “È dove vai a nascondere la tua faccia“.

Chapman ha espresso il suo rimorso per aver ucciso Lennon alla sua decima audizione in aula durante lo scorso agosto presso la struttura correttiva di Wende, dove sta scontando una pena di 20 anni. Il consiglio ha negato il suo rilascio quel mese . I funzionari della prigione di New York hanno rilasciato una trascrizione dell’udienza giovedì.

Chapman, 63 anni, ha sparato e ucciso Lennon la notte dell’8 dicembre 1980, ore dopo che l’ex Beatle aveva autografato un album per lui.

Chapman ha detto ai membri del consiglio della libertà che pensa ancora a come Lennon fosse “incredibile” rivelando di essere stato molto combattuto, una lotta interna per decidere se andare avanti con il progetto di assassinio.

Chapman ha sottolineato il suo rammarico per l’atto “insensato“, affermando anche di aver cercato notorietà e di non aver avuto nulla contro Lennon, anche se ha caricato la sua pistola con proiettili a punta cava che sono più letali, ha detto Chapman al consiglio.

Ho scelto quei proiettili per assicurarmi che fosse morto“, ha detto. “Fu subito dopo il crimine che ero preoccupato che non soffrisse“.

Chapman ha descritto il lavoro che svolge in prigione: pulire, verniciare e scrostare la cera dai pavimenti. Ha detto che ha abbandonato la sua ricerca di notorietà molto tempo fa e si dedica a promuovere il potere della trasformazione grazie a Gesù.

Chapman oggi si rende conto che il dolore che ha causato proseguirà “anche dopo la morte“, sarà di nuovo in libertà vigilata nell’agosto del 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *