Ottobre 30, 2020

Studio rivela: Problemi mentali dopo il Covid-19

3 min read
Studio rivela Problemi mentali dopo il Covid-19

Quasi un terzo dei pazienti COVID-19 ospedalizzati ha sperimentato un qualche tipo di funzione mentale alterata – che va dalla confusione al delirio alla mancanza di risposta – nel più grande studio fino ad oggi sui sintomi neurologici tra i pazienti con coronavirus in un sistema ospedaliero statunitense.

E i pazienti con funzione mentale alterata hanno avuto esiti medici significativamente peggiori, secondo lo studio, pubblicato lunedì su Annals of Clinical and Translational Neurology. Lo studio ha esaminato le registrazioni dei primi 509 pazienti affetti da coronavirus ricoverati, dal 5 marzo al 6 aprile, presso 10 ospedali del sistema sanitario della Northwestern Medicine nell’area di Chicago.

Questi pazienti sono rimasti tre volte più a lungo in ospedale rispetto ai pazienti senza alterata funzione mentale.

Dopo essere stati dimessi, solo il 32% dei pazienti con funzione mentale alterata era in grado di gestire le attività quotidiane di routine come cucinare e pagare le bollette, ha affermato il dott.Igor Koralnik, autore senior dello studio e capo delle malattie neuro-infettive e neurologia globale presso Medicina nordoccidentale. Al contrario, l’89% dei pazienti senza funzione mentale alterata era in grado di gestire tali attività senza assistenza.

I pazienti con funzione mentale alterata – il termine medico è encefalopatia – avevano anche quasi sette volte più probabilità di morire rispetto a quelli che non avevano quel tipo di problema.

L’encefalopatia è un termine generico che significa che qualcosa non va nel cervello“, ha detto Koralnik. La descrizione può includere problemi di attenzione e concentrazione, perdita della memoria a breve termine, disorientamento, stupore e “profonda mancanza di risposta” o un livello di coscienza simile.

L’encefalopatia è stata associata ai peggiori risultati clinici in termini di capacità di prendersi cura delle cose di tutti i giorni dopo aver lasciato l’ospedale, e vediamo anche che è associata a una mortalità più elevata, indipendentemente dalla gravità della loro malattia respiratoria“, ha detto.

I ricercatori non hanno identificato una causa per l’encefalopatia, che può verificarsi con altre malattie, specialmente nei pazienti più anziani, e può essere innescata da diversi fattori tra cui l’infiammazione e gli effetti sulla circolazione sanguigna, ha detto Koralnik, che supervisiona anche il Neuro COVID-19 Clinic presso il Northwestern Memorial Hospital. Finora ci sono poche prove che il virus attacchi direttamente le cellule cerebrali e la maggior parte degli esperti afferma che gli effetti neurologici sono probabilmente innescati da risposte infiammatorie e del sistema immunitario che spesso colpiscono altri organi, oltre al cervello.

Questo documento indica, cosa importante, che l’encefalopatia in ospedale può essere un predittore di esiti peggiori“, ha detto la dottoressa Serena Spudich, capo delle infezioni neurologiche e neurologia globale presso la Yale School of Medicine, che non è stata coinvolta nello studio. Questa scoperta suggerirebbe anche che i pazienti con funzione mentale alterata in ospedale “potrebbero trarre beneficio da un monitoraggio o da una riabilitazione post-dimissione più ravvicinati“, ha aggiunto.

Nello studio, i 162 pazienti con encefalopatia avevano maggiori probabilità di essere anziani e maschi. Avevano anche maggiori probabilità di avere condizioni mediche antecedenti, inclusa una storia di qualsiasi disturbo neurologico, cancro, malattie cerebrovascolari, malattie renali croniche, diabete, colesterolo alto, insufficienza cardiaca, ipertensione o fumo.

Alcuni esperti hanno affermato che il presidente Donald Trump, che è stato ricoverato in ospedale con COVID presso il Walter Reed National Military Medical Center a partire da venerdì, ha l’età e il sesso dei pazienti nello studio che avevano maggiori probabilità di sviluppare una funzione mentale alterata e quindi potrebbero essere più alti rischio di tali sintomi. Ha anche una storia di colesterolo alto, una delle condizioni preesistenti che sembrano aumentare il rischio. Ma i medici del presidente non hanno dato alcuna indicazione che abbia avuto sintomi neurologici; la Casa Bianca aveva pubblicato dei video in cui parlava al pubblico di quanto stesse andando bene. Trump è tornato alla Casa Bianca lunedì sera.

Questo è uno studio importante, poiché le complicanze neurologiche dell’infezione sembrano essere frequenti e in molti casi di lunga durata, ma non hanno ancora ricevuto molta attenzione“, ha detto il dottor Avindra Nath, capo della sezione sulle infezioni del nervo sistema presso l’Istituto nazionale di disturbi neurologici e ictus, che non è stato coinvolto nello studio.

Tra i sintomi neurologici, il dolore muscolare si è verificato in circa il 45% dei pazienti e il mal di testa in circa il 38%. Circa il 30% ha avuto vertigini. Percentuali più piccole avevano disturbi del gusto o dell’olfatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.