Dicembre 3, 2020

Nuova Zelanda dice no al referendum sulla marijuana

2 min read
Nuova Zelanda dice no al referendum sulla marijuana

Gli elettori della Nuova Zelanda hanno respinto al mittente un referendum per legalizzare la marijuana, i risultati finali son stati rilasciati dal governo venerdì.

Mentre i sondaggi si sono chiusi il 17 ottobre, la Nuova Zelanda non completa il conteggio delle domande di voto il giorno delle elezioni. I risultati preliminari pubblicati il ​​mese scorso hanno mostrato che la misura era in svantaggio di un notevole margine, ma i cosiddetti “voti speciali” dovevano ancora essere conteggiati prima che il risultato fosse finalizzato.

Quei circa 480.000 voti rimanenti non hanno spostato l’ago abbastanza lontano a favore della riforma, tuttavia, i dati finali rilasciati dal governo venerdì pomeriggio ora locale hanno mostrato che:

Il referendum ha finito per cadere al di sotto del 48,4% a favore del 50,7% contro il margine.

Il risultato preliminare del 30 ottobre ha visto la misura tra il 46,1% e il 53,1%.

Voti speciali provenivano da cittadini che si trovavano all’estero, persone che si sono recentemente registrate, coloro che scontano pene detentive inferiori a tre anni e studenti che frequentano scuole in distretti al di fuori di quelli in cui sono registrati per votare.

Nuova Zelanda dice no al referendum sulla marijuana

I sondaggi in vista delle elezioni hanno mostrato risultati contrastanti.

Un sondaggio  pubblicato a settembre dalla Helen Clark Foundation e dalla New Zealand Drug Foundation ha riscontrato il 49% di sostegno al referendum e il 45% di opposizione. Un sondaggio separato di agosto ha mostrato che solo il 39% degli intervistati è favorevole alla misura, mentre il 46% è contrario.

I sostenitori sono comprensibilmente delusi dal risultato, ma anche il voto che si è tenuto in primo luogo è stato un momento storico, poiché ha segnato la prima volta che gli elettori in tutto il mondo hanno avuto l’opportunità di decidere su una politica di legalizzazione a livello nazionale.

Il Canada e l’Uruguay hanno legalizzato a livello nazionale, ma quelle politiche sono state emanate a livello legislativo. Una manciata di altre nazioni ha politiche che consentono il possesso e la coltivazione domestica.

La proposta del governo di consentire agli adulti di età pari o superiore a 20 anni di acquistare e possedere marijuana – e di coltivare fino a due piante – è stata presentata per la prima volta ad aprile . Avrebbe anche consentito sale per il consumo di cannabis dove le persone potevano usare la marijuana in loco.

Nel frattempo, ogni stato degli Stati Uniti che aveva una misura di riforma della politica sulla marijuana o sulla droga al ballottaggio nelle elezioni di questa settimana ha approvato le riforme.

fonte@marijuanamoment.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.