Probiotici non solo effetti positivi, arrivano nuovi studi

Probiotici non solo effetti positivi, arrivano nuovi studi

settembre 10, 2018 0 Di PizzaNews

I probiotici standard potrebbero non essere esenti da rischi, se non espulsi dal nostro organismo mettono a serio rischio il fegato.

I ricercatori hanno da tempo cercato di chiarire ed informare sulle caratteristiche dei prodotti intestinali, cosa apportano in positivo e cosa in negativo. Ora, una nuova serie di studi offre un controllo gastrointestinale mette in guardia dai prodotti probiotici che potrebbero, in alcuni casi, essere inefficaci per la salute e potenzialmente anche causare danni.

Nei due studi, entrambi pubblicati questa settimana nella rivista Cell , i ricercatori israeliani riferiscono che i batteri contenuti negli integratori, noti anche come probiotici, hanno spesso un impatto limitato sugli organi interni delle persone sane e, nel peggiore dei casi, possono estirpare popolazioni native di microbi.

Nel primo studio , i ricercatori hanno scoperto che le popolazioni di microbi sani delle persone tendono a stanare i nuovi arrivati. Pertanto, gli intrusi microbici degli integratori hanno un impatto limitato sui microbiomi residenti e, per estensione, sulla salute dei consumatori.

Ma i ceppi probiotici possono più facilmente mettere radici nell’intestino se una persona prende una forte dose di antibiotici che batte i benefici dei batteri, i ricercatori lo hanno evidenziato nel secondo studio . Questa scoperta potrebbe suggerire che gli integratori attuali potrebbero aiutare a ringiovanire la “popolazione intestinale” dopo un attacco di antibiotici, ma in effetti , i ricercatori hanno scoperto che i probiotici rendevano più difficile il recupero della sana comunità nativa dei batteri intestinali. Le persone che hanno assunto integratori probiotici per ripristinare il loro microbioma dopo gli antibiotici non hanno riguadagnato le loro comunità sane fino a cinque mesi dopo. Le persone che non hanno preso nulla dopo i loro antibiotici, viceversa ci sono riuscite.

Una revisione del 2016 di studi randomizzati controllati ha concluso che i probiotici non hanno quasi alcun effetto sul mix complessivo di microbi esaminati negli escrementi della gente . Mentre altri studi hanno mostrato prove di alterazioni microbiche da probiotici, ci sono ancora pochi dati su ciò che questi cambiamenti potrebbero significare in termini di salute e ciò che i nostri microbiomi stanno effettivamente facendo per noi. Gli studi precedenti che esaminavano specificamente l’uso probiotico dopo gli antibiotici hanno anche scoperto che gli integratori erano inefficaci. Per esempio, i probiotici non potevano calmare i casi di diarrea indotta da antibiotici o ostacolare il più serio invasore di intestino associato agli antibiotici,Clostridium .

Finora, tali risultati non hanno scoraggiato i consumatori nell’acquistare prodotti probiotici nella speranza di una migliore salute dell’intestino. I probiotici fanno parte di un mercato in continua crescita, con 3,9 milioni di adulti solo negli Stati Uniti che utilizzano sia probiotici che prebiotici. Sono tra gli integratori alimentari più comunemente usati.

Le comunità di microbi che prosperano nel nostro intestino portano a termine numerose cose utili: possono alterare la nostra risposta immunitaria, influenzare i nostri ormoni, proteggerci dai germi infettivi, aiutarci a digerire e trattare gli alimenti, e mantenere il nostro sistema regolare. L’ottimizzazione e la stabilizzazione di tali comunità potrebbero avere molti vantaggi e aiutare a contrastare le malattie.

Alcune buone notizie sono che la nuova serie di studi ha alcuni suggerimenti utili per portare avanti il discorso.

Per il primo studio, i ricercatori del Weizmann Institute of Science in Israele si sono rivolti a un prodotto probiotico disponibile in commercio che includeva 11 ceppi di batteri. Questi batteri sono comunemente usati nei prodotti e l’inventario comprende: Lactobacillus acidophilus, L. casei, L. casei sbsp.paracasei, L. plantarum, L. rhamnosus, Bifidobacterium longum, B. bifidum, B. breve, B. longum sbsp.infantis, Lactococcus lactis e Streptococcus thermophilus .

Quindici adulti in buona salute hanno concordato di far sondare le proprie feci per i microbi preesistenti prima dell’assunzione. Hanno effettuato le colonscopie (per il campionamento dei microbi nel tratto gastrointestinale inferiore) e le endoscopie (per il campionamento dei microbi nel tratto GI superiore). Quindi 10 volontari hanno seguito un ciclo di probiotici due volte al giorno per quattro settimane, e gli altri cinque hanno ricevuto un placebo. Avevano tutte le loro feci campionati e avevano nuovamente colonoscopie ed endoscopie tre settimane dopo i trattamenti.

I ricercatori hanno trovato molta variabilità microbica tra gli individui prima e dopo i trattamenti, ma per la maggior parte, i probiotici sembravano avere scarso effetto.

Sei delle 10 persone nel gruppo probiotico sono state definite “permissive” perché alcuni dei ceppi probiotici sembravano aderire nei loro tratti GI inferiori a bassi livelli dopo il trattamento di quattro settimane. I restanti quattro sono stati definiti “resistenti” perché i ceppi probiotici sembravano dilueguarsi completamente. È importante sottolineare che queste designazioni erano basate esclusivamente sul sondaggio intestinale diretto, non su quello che i ricercatori potevano vedere nei campioni di feci. Quei depositi erano quasi inutili per capire quali erano i probiotici che colonizzavano l’intestino.

Quando i ricercatori hanno esaminato ancora più da vicino i dati intestinali, hanno notato che le persone permissive tendevano ad avere livelli più bassi di ceppi probiotici nelle loro viscere prima del trattamento rispetto a quelli resistenti. Pertanto, i ceppi probiotici possono avere avuto un tempo più ridotto nel trovare una nicchia nel gruppo permissivo a causa della minore concorrenza da parte dei microbi residenti.

Nel complesso, i ricercatori hanno preso due aspetti principali dello studio. Il primo è che i campioni di feci non sono così utili per le informazioni dettagliate legati alla fioritura dei batteri probiotici nell’intestino. Ciò è piuttosto notevole, poiché molti studi sui microbiomi si basano su campioni fecali, il secondo punto è che i microbi già presenti nelle nostre interiora sembrano dettare quali ceppi probiotici hanno la possibilità di colonizzare. Pertanto, i probiotici di successo potrebbero dover essere progettati su misura per i singoli microbiomi.

fonte@arstechnica.com