Smartphone e tumori quali collegamenti
Notizie

Smartphone e tumori, quali collegamenti

Esistono collegamenti fra smartphone e tumori? E quali sono?

Fanno male davvero i cellulari? Diciamo che evidenze scientifiche in questo senso ancora non ce ne sono. Ma non è detto che, con il passare del tempo, non ne scopriremo. Per ora potrebbe essere sufficiente adottare la saggia regola “cum grano salis”, vale a dire con un pizzico di intelligenza, di raziocinio.

Facciamo un caso. Se ci proponessero di acquistare una casa accanto a una centrale dell’Enel, dove passano cavi elettrici a migliaia di volts 24 ore su 24, avremmo qualche remora? Probabilmente sì, anche se, magari fra venti anni, gli studi scientifici ci diranno che i 50 Hz della rete non fanno affatto male pur se le potenze in gioco sono notevoli.

Eppure, quando accostiamo bene l’orecchio allo smartphone e lo sentiamo bel caldo (capita non raramente) è un indice che quel calore si trasmette al nostro corpo, e insieme al calore una certa dose di radiofrequenza a piccolissime lunghezze d’onda. Per cui quel grano di sale cui accennavamo prima, dovrebbe consigliarci di non stare ore e ore col cellulare attaccato all’orecchio durante la giornata, e magari in maniera continuativa.

Certo, lo si mette spesso in tasca, a contatto o comunque molto vicino agli organi genitali. E allora lì sorge l’altro problema, forse più di natura psicologica che fisica: e se la vicinanza, ad esempio agli organi genitali maschili, provocasse col passare del tempo non solo l’insorgenza di una malattia, ma addirittura l’infertilità?

Il fatto è che viviamo immersi in emissioni di radiofrequenza tutti i giorni e di tutti i tipi. E’ una questione di quantità, di qualità, di tempo e di vicinanza. L’emissione di onde radio dei cellulari, e non solo, è su frequenze molto alte, dell’ordine dei Gigahertz, la qual cosa pare non deporre bene, rispetto ad esempio alle classiche emissioni ad onde medie della radio, o della stessa rete elettrica. Tuttavia bisogna considerare anche che la potenza dei cellulari è in realtà molto bassa.

Non solo. Va considerato pure il tempo dell’esposizione a questi campi elettromagnetici: altra cosa sono dieci minuti, altra cosa sono 5 o sei ore, e magari di seguito. Altro aspetto da considerare è la prossimità, ovviamente.

Più la sorgente è vicina, più c’è il rischio che faccia male. Ma sentiamo cosa ne pensa in merito Alessandro Polichetti, primo ricercatore del Centro Nazionale per la protezione dalle radiazioni e fisica computazionale dell’Istituto Superiore di Sanità, intervistato dal Corriere della Sera. Interrogato su un possibile legame con l’insorgenza di tumori, ha detto:
Il cellulare è un dispositivo che emette campi elettromagnetici a radiofrequenza.

Smartphone e tumori quali collegamenti

Da decenni viene studiata la presunta pericolosità per la salute umana delle onde elettromagnetiche, come quelle emanate dalla telefonia mobile e dalle reti Wi-Fi, ma a oggi nessuno ha dimostrato in modo conclusivo l’esistenza di un nesso di causa-effetto.

Il lavoro più ampio, “Interphone”, pubblicato nel 2010 e condotto dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro ha sostanzialmente assolto i telefonini per mancanza di prove, evidenziando solo un lieve aumento dei casi di glioma (tumore maligno del cervello) e neurinoma del nervo acustico (tumore benigno) tra chi aveva trascorso al cellulare più di 1.640 ore.

Ma gli stessi autori avevano affermato che è molto difficile provare in modo incontrovertibile il legame diretto tra i due eventi. Un anno dopo, nel 2011, la stessa Agenzia ha classificato le onde elettromagnetiche tra i «possibili cancerogeni». Sono in questa lista (gruppo 2B) tutti gli agenti per i quali al momento esiste solo qualche sospetto di pericolosità per l’uomo.

E sul problema dell’eventuale infertilità, ha tenuto a precisare: Il campo elettromagnetico prodotto dai telefonini è molto debole e non sappiamo attraverso quale meccanismo potrebbe essere eventualmente collegato allo sviluppo di un tumore.

L’unico effetto accertato della penetrazione delle onde elettromagnetiche nel corpo umano è il riscaldamento, ma i livelli a cui siamo normalmente esposti sono troppo bassi per poter avere conseguenze significative sul nostro organismo.

Giornalista, Consulente tecnico ambientale, Blogger, Webmaster…poeta per passione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *