contraccettivo maschile per gli uomini

Il controllo delle nascite è una preoccupazione comune per le coppie. Mentre le donne hanno molte opzioni quando si sceglie un metodo di controllo delle nascite, gli uomini hanno un minor numero di opzioni possibili. Se una donna sta usando un metodo anticoncezionale, il suo partner può utilizzare ugualmente il preservativo, questo rende la gravidanza ancora meno probabile, così come anche per la pillola.

Ad oggi il filo conduttore del contraccettivo è sempre stato legato alla donna, di certo qualcuno potrebbe obiettare che uno dei sistemi più utilizzati è certamente il profilattico, ma il vero contraccettivo (comunemente chiamato: la pillola) è quello utilizzato dalla donna, almeno fino ad oggi.

Gli uomini possono contribuire anche loro al controllo delle nascite per prevenire la gravidanza nei loro partner di sesso femminile, secondo un nuovo studio pubblicato nel del Endocrine Society Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism .

I ricercatori stanno ancora lavorando per perfezionare la combinazione di contraccettivi ormonali per ridurre il rischio dei, moderati, effetti collaterali, tra cui la depressione e altri disturbi dell’umore.

Mentre le donne possono scegliere tra una serie di metodi di controllo delle nascite, gli uomini hanno poche opzioni per controllare la propria fertilità. I metodi disponibili per gli uomini includono principalmente profilattici e vasectomia.

contraccettivo maschile per gli uomini

Il tempo ha imposto metodi di controllo delle nascite necessari anche per gli uomini. Nel 2012, il 40% di tutte le gravidanze in tutto il mondo è stato intenzionale, secondo l’Istituto Guttmacher.

Lo studio ha trovato che è possibile avere un contraccettivo ormonale per gli uomini che riduce il rischio di gravidanze non pianificate per i partner uomini che lo usano“, ha confermato uno degli autori dello studio, Mario Philip Reyes Festin, MD, dell’Organizzazione Mondiale della Sanità a Ginevra, Svizzera. “I nostri risultati hanno confermato l’efficacia di questo metodo contraccettivo precedentemente visto in studi di minore entità.

Lo studio multicentrico, ha testato la sicurezza e l’efficacia dei contraccettivi iniettabili in 320 uomini sani, di età compresa tra i 18 e i 45 anni. I partecipanti hanno avuto tutti relazioni monogame con partner di sesso femminile di età compresa tra 18 e 38 anni, per almeno un anno. Gli uomini sono stati sottoposti ad appositi test per garantire che avessero un numero di spermatozoi normale all’inizio dello studio.

Gli uomini hanno ricevuto iniezioni di 200 milligrammi di lunga durata d’azione progestinica dal nome: noretisterone enantato (NET-EN) e 1.000 milligrammi, sempre di lunga durata d’azione, degli androgeni testosterone undecanoato (TU) per un massimo di 26 settimane per sopprimere il loro numero di spermatozoi. Gli operatori sanitari hanno effettuato agli uomini due iniezioni ogni otto settimane. I partecipanti inizialmente hanno fornito campioni di sperma dopo 8 e 12 settimane nella fase di soppressione, poi successivamente ogni 2 settimane fino a che sono stati soddisfatti i criteri per la fase successiva. Durante questo periodo, le coppie sono state incaricate di utilizzare altri metodi anticoncezionali non ormonali.

Una volta che il numero di spermatozoi di un partecipante è stato abbassato a meno di 1 milione/ml in due test consecutivi, alla coppia è stato chiesto di fare affidamento solo alle iniezioni per il controllo delle nascita. Durante questo periodo noto come la fase di efficacia dello studio, gli uomini hanno continuato a ricevere iniezioni ogni otto settimane per un massimo di 56 settimane. I partecipanti hanno fornito campioni di sperma ogni otto settimane al fine di garantire che il loro numero di spermatozoi rimanesse basso. Una volta che i partecipanti hanno smesso di ricevere le iniezioni, sono stati monitorati per vedere quanto velocemente i loro numero di spermatozoi fosse recuperato.

Gli ormoni sono stati efficaci nel ridurre il numero di spermatozoi a 1 milione/ml o anche meno entro 24 settimane in  ben 274 dei partecipanti. Il metodo contraccettivo è stato efficace in quasi il 96% dei partecipanti. Solo quattro gravidanze si sono verificate durante la fase di dello studio.

I ricercatori hanno smesso di registrare nuovi partecipanti allo studio nel 2011 a causa del tasso effetti collaterali, in particolare depressione e altri disturbi dell’umore, segnalate dai partecipanti. Gli uomini hanno riportato effetti collaterali tra cui dolore muscolare, aumento della libido e acne. Venti uomini sono usciti dallo studio a causa di effetti collaterali.

Nonostante gli effetti negativi, oltre il 75% dei partecipanti ha riferito di essere disposto a usare questo metodo di contraccezione, a conclusione del processo.

Dei 1.491 eventi effetti collaterali, quasi il 39% sono risultati non correlati alle iniezioni dei contraccettivi. Tra queste, una morte per suicidio che è stato valutata non correlata all’utilizzo del farmaco. Gli eventi avversi gravi che sono stati valutati come probabilmente o possibili correlati allo studio, incluso un caso di depressione, un sovradosaggio intenzionale di paracetamolo, mentre in un caso uno dei pazienti ha accusato battito cardiaco accelerato e irregolare dopo aver interrotto le iniezioni.

Una maggiore ricerca è necessaria per far progredire questo concetto al punto che può essere reso ampiamente disponibile per gli uomini come metodo di contraccezione“, ha detto Festin. “Sebbene le iniezioni erano efficaci nel ridurre il tasso di gravidanza, la combinazione di ormoni deve essere maggiormente studiata in modo tale da considerare un buon equilibrio tra efficacia e sicurezza.

Lo studio, ” L’efficacia e la sicurezza di una combinazione iniettabili del contraccettivo ormonale per gli uomini ,” sarà pubblicato online.

Tra gli autori dello studio ci sono: Hermann M. Behre di Martin Luther Università di Halle-Wittenberg in Halle, in Germania; Michael Zitzmann dell’Università di Münster a Münster, in Germania; Richard A. Anderson della University of Edinburgh a Edimburgo, Regno Unito; David J. Handelsman della Università di Sydney e Concord Hospital di Sydney, in Australia; Silvia W. Lestari della University of Indonesia a Jakarta, Indonesia; Robert I. McLachlan del Monash Medical Centre di Melbourne, in Australia; M. Cristina Meriggiola dell’Università di Bologna a Bologna, Italia; Man Mohan Misro del National Institute of Health & benessere della famiglia a New Dehli, in India; Gabriela Noe dell’Instituto de Medicina Reproductiva Chileno a Santiago del Cile; Frederick CW Wu del Manchester Royal Infirmary a Manchester, UK; Ndema A. Habib e Kirsten M. Vogelsong dell’Organizzazione Mondiale della Sanità di Ginevra, Svizzera; e Marianne M. Callahan, Kim A. Linton e Doug S. Colvard di Conrad, East Virginia Medical School, un’organizzazione la salute riproduttiva con sede a Arlington, VA.

La ricerca è stata co-sponsorizzata e finanziata da UNDP / UNFPA / UNICEF / OMS / Banca Mondiale Programma Speciale di Ricerca, Sviluppo e Formazione alla Ricerca in riproduzione umana a Ginevra, Svizzera, e Conrad (con il finanziamento da parte della Fondazione Bill & Melinda Gates e l’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale). Gli ormoni iniettabili sono stati forniti da Schering AG.

fonte: Endocrine Society

Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *