È guerra aperta tra Trump e Twitter

1 min read
guerra aperta tra Trump e Twitter

Lo aveva annunciato e lo ha fatto: Donald Trump ha deciso di aprire una guerra diretta con i social e ha cominciato da Twitter.

Il Tycoon ha infatti firmato l’ordine esecutivo sui social media che prevede l’eliminazione dell’immunità legale nel caso di cause legate ai contenuti.

“I social media fanno dell’attivismo politico ”, assumono ”posizioni editoriali” e si possono equiparare ”a un monopolio”, ha detto il presidente Usa giustificando il provvedimento che, secondo lui, punta ”a difendere la libertà di espressione”.

La portavoce della Casa Bianca, Kayleigh McEnany aveva annunciato il provvedimento anche se non era stato diffuso alcun dettaglio attraverso i canali ufficiali: nel briefing con i giornalisti McEnany aveva confermato che l’ordine esecutivo riguarda le protezioni legali di cui godono per i contenuti sulle loro piattaforme, e ha ribadito l’accusa che essi censurano le voci dei conservatori.

Ma Twitter non si è fatta certo spaventare, ed anzi, già all’indomani della firma dell’ordinanza, ha segnalato un altro Twitter del presidente, l’ennesimo.

Stavolta è finito nel mirino quello sulle rivolte di Minneapolis, scatenatosi dopo l’omicidio di George Floyd, nel quale ha minacciato i manifestanti: “Quando iniziano i saccheggi, iniziano le sparatorie”, aveva scritto. La segnalazione di Twitter dice: “Questo tweet ha violato le regole di Twitter sull’esaltazione della violenza. Tuttavia, abbiamo deciso di non oscurarlo poiché potrebbe essere di interesse pubblico”.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright 2018 © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.